Il diario di una studentessa diventata portalettere

Vi racconto le mie giornate da postina

Il diario di una studentessa diventata portalettere.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 19-07-2015 alle ore 17:50:21.
vi-racconto-le-mie-giornate-da-postina-560ff0d23baed3.jpg
Gaia Quaglio

Non voglio fare un inno ai postini. Voglio fare un inno al valore di mettersi in gioco.

E’ passata una settimana da quando mi sono infilata quello strumento di tortura color canarino fluorescente che è la tenuta di ordinanza del portalettere. Due mesi di lavoro estivo incastrati tra gli ultimi annoiati esami dell’università.

Mi sono presentata con il casco per la moto e mi hanno messa alla guida di una ruspante Panda. Ero preparata alla poesia delle lettere profumate di storie, immersa nell’immaginario romantico di Troisi che porta la corrispondenza volando sulla bicicletta, e mi sono trovata a fare rally in mezzo alle frazioncine masseranesi.

«I primi giorni potrete fare un po’ tardi», avvertono al primissimo colloquio. «Ma quanta posta vuoi che arrivi nel 2015!» è la comica convinzione con cui il primo giorno entri tutto tronfio in ufficio.

E alla fine sono le sette di sera contro le tre del pomeriggio dei colleghi anziani e tu sei ancora lì ad arrancare per le vie del centro, dopo aver sbagliato 14 volte strada e aver fatto la guerra con numeri civici deliranti e cassette delle lettere imboscate come in una caccia al tesoro.

Le vecchiette del paese  cominciano a sprigionare benevolenza di nonna da tutti i pori e quasi ti invitano a cena mantenendosi a distanza, visto che a quel punto sei abbastanza sudata da scivolare come una saponetta.

Non ho intenzione di fare classifiche di dignità o difficoltà o serietà. Qualunque lavoro è a modo suo complicato, per certi versi faticoso, per una qualche ragione fondamentale. Di sicuro tutti i panni che decidiamo di vestire fanno di noi persone più ricche. Anche se costringono a una sauna fosforescente.

Gaia Quaglio

 

La prossima puntata di “Vi racconto le mie giornate da postine” sarà pubblicata su La Nuova Provincia di Biella in edicola mercoledì 22 luglio

Tags: Gaia Quaglio, rubrica, rubrica gaia quaglio, vi racconto le mie giornate da postina

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia