Filippo Uecher, titolare della MariaFlora ce l’ha fatta e parteciperà a DECO Off

«Vi racconto la mia esperienza per sconfiggere la crisi»

Impegno, passione e continua voglia di rinnovarsi, di scommettere su di sè e su ciò che si ama.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 14-01-2015 alle ore 00:00:00.
vi-racconto-la-mia-esperienza-per-sconfiggere-la-crisi-560fdfb52685b3.jpg
Filippo Uecher e la moglie Elena

Impegno, passione e continua voglia di rinnovarsi, di scommettere su di sè e su ciò che si ama.

E’ grazie a queste importanti caratteristiche che i titolari della MariaFlora, l’azienda di Vigliano Biellese specializzata in tessuti per esterni, sono riuscita a farcela. Una delle poche realtà che hanno sconfitto la crisi, con fatica, ma anche con grandi soddisfazioni. Non solo. Dal 23 al 27 gennaio MariaFlora  parteciperà a DECO Off Parigi, al fianco dei più importanti nomi del settore, all’interno dell’intero panorama mondiale.

E’ una fiera molto importante - spiega il titolare, Filippo Uecher - in cui presenteremo un nuovo brand: una linea di tessuti in fibra naturale fatti con lino e lana».

54 anni, biellese, Filippo Uecher ha iniziato a lavorare nel tessile negli anni ’80: «Avevo 23 anni anni - racconta - quando mio padre mi offrì l’opportunità di imparare questo mestiere con lui e di iniziare il mio viaggio. Lo stabilimento, avviato negli anni ‘70, a quei tempi era ad Occhieppo Inferiore. Si chiamava Emmepì ed era improntata sulla produzione di tessuti murali».

Quando vi siete specializzati dell’arredamento outdoor?

Negli anni ‘90, quando ho rilevato l’azienda insieme a mia moglie, Elena. Abbiamo iniziato a produrre rivestimenti di divani e decorazioni. I nostri tessuti sono resistenti alla luce, ai cambiamenti climatici, ai raggi UBV. Sono garantiti fino a sei anni. E’ davvero un buon prodotto, per quasi vent’anni abbiamo servito i grossisti, gli editori tessili più importanti come Jab e Nobilis.

Poi è arrivata la crisi...

Nel 2011 ci siamo resi conto che non era più remunerativo. Le possibilità erano due: o chiudevamo o ci proponevamo sul mercato direttamente. Abbiamo stretto i denti e scommesso su di noi, sul marchio e sulle nostre idee. Grazie al continuo sostegno di Elena,  che mi ha sempre incoraggiato a non aspettare, a muovermi, mi sono buttato anima e corpo in questa nuova avventura.

Come è riuscito a farcela?

Con tanto coraggio. E con l’innovazione. Mi sono tenuto continuamente informato sulle novità e mi sono  aggiornato sulle fibre. Lo scorso luglio ho visitato i campi di lino in fiore in Normandia e ho incontrato alcune cooperative di coltivatori. Per me era fondamentale sapere e conoscere da dove provenisse questo magnifico dono della natura, per poi trasformarlo in un tessuto adatto a vestire le case più belle del mondo.

Ed oggi?

Oggi ho deciso di rimettermi nuovamente in gioco. Ho elaborato una collezione di tessuti di arredamento che prenderà il mio nome. E intanto guardiamo sempre più avanti.

Tags: economia, filippo uecher, mariaflora deco off parigi

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia