La lunga strada è ormai una collezione di cartelli “Affittasi” o “Cedesi attività”

VERSIONE INTEGRALE La Trossi in agonia, un cimitero del commercio

Le attività commerciali continuano ad essere penalizzate da tasse e calo del potere d’acquisto. Una zona che soffre molto è quella della strada Trossi, che solo pochi anni fa si candidava ad essere un grande outlet a cielo aperto.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 21-08-2014 alle ore 00:00:00.
versione-integrale-la-trossi-in-agonia-un-cimitero-del-commercio-560fceef6675d3.jpg
Uno dei tanti casi di capannoni in vendita

Le attività commerciali continuano ad essere penalizzate da tasse e calo del potere d’acquisto.

Una zona che soffre molto è quella della strada Trossi, che solo pochi anni fa si candidava ad essere un grande outlet a cielo aperto.

«È una situazione preoccupante – commenta il sindaco di Verrone, Cinzia Bossi -. Io sono convinta che abbiamo perso una possibilità di ricrescita con l’autostrada. Magari sogno, ma secondo me il casello autostradale avrebbe dato impulso alle attività commerciali e non solo».

Ma il problema più importante secondo Cinzia Bossi rimane la crisi del settore secondario: «aprire solo negozi e agevolarli nella loro attività è una buona cosa, ma non ha senso se non si ha potere d’acquisto. Un problema da sciogliere è la crisi del mercato del lavoro risolvibile introducendo aziende o luoghi di produzione che permettano una maggior occupazione lavorativa. In questo modo salirebbero i poteri d’acquisto dei cittadini e le attività commerciali ne agevolerebbero». Dello stesso parere è il sindaco di Gaglianico Paolo Maggia che dichiara: «la Trossi è sempre stata un luogo di produzione del lavoro. Oggi si sta svuotando e si stanno creando dei grandi spazi liberi e abbandonati. Non voglio accettare che la porta d’ingresso del Biellese diventi un cimitero degli elefanti».

«Bisogna attirare le imprese con i clienti – afferma il presidente Ascom Mario Novaretti -. Dobbiamo accrescere potere d'acquisto delle persone e non pensare solo ad agevolare i commercianti. Si possono aprire tanti negozi, ma se le persone non comprano non si va da nessuna parte. Nel Biellese non c'è più mercato. Anche i prezzi competitivi dei punti vendita cinesi hanno risentito della mancanza di potere d'acquisto. Alcuni di questi negozi hanno persino dovuto chiudere».

Le proposte e le strategie adottate dal comune di Verrone per attenuare questa situazione sono diverse. «Un comune – conclude Cinzia Bossi – non ha tante armi dalla sua parte. Noi abbiamo cercato di contenere e riattrarre qualche attività attuando una tassazione bassa nel territorio del comune. Il 29 aprile, infatti, abbiamo deliberato un’aliquota della Tasi pari allo 0,5x1000 per il settore commerciale e produttivo, mentre l’1x1000 per il residenziale. Oltre a questo abbiamo prolungato il termine di versamento della Tasi fino al 15 ottobre, compreso. Quindi nessuno a Verrone ha già versato questa rata. Sicuramente non stiamo a guardare. Dobbiamo richiamare l’attenzione dei comuni che si affacciano su questa zona e fare fronte comune per rilanciare le attività produttive e commerciali e proseguire con gli sforzi per il collegamento con l’autostrada».

Anche secondo il primo cittadino di Gaglianico è necessario creare un fronte compatto per combattere questa situazione: «i comuni di Gaglianico, Sandigliano, Verrone e Biella devono cooperare in modo sinergico per trovare degli investimenti tramite sgravi fiscali o attraverso il recupero di fondi per il rilancio. Bisogna creare delle condizioni migliori degli altri posti, in modo da attrarre le attività. L’autostrada è sicuramente un’occasione persa. Si è lavorato un decennio per cercare di portare questo collegamento a buon esito e siamo arrivati alla conclusione che non se ne fa più nulla. È veramente drammatico che non si sia riusciti a concludere questo progetto. Poteva essere un buon modo per risparmiare tempo e denaro».

Per quanto riguarda l'autostrada, Novaretti si discosta un po' dalle opinioni dei due sindaci: «il percorso da Carisio a Verrone è ridicolo. A Santhià, che sono vicini all'autostrada, l'ambizione di realizzare un supermercato è fallita. Gli Orsi di Biella, nonostante non ci sia un collegamento con l'autostrada, hanno una media 6 milioni di persone che vanno a visitarlo e si spendono circa 60milioni di euro, intorno ai 10 euro a persona. Io apprezzo lo sforzo dei due sindaci, ma bisogna evitare la demagogia. Va rivista l'impostazione del commercio. Bisogna attrarre la clientela con una produzione particolareggiata».

Mario Monteleone

Tags: strada trossi, cimitero commercio, biellese, crisi, Paolo Maggia, Ascom, cinzia bossi, Gaglianico, verrone

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia