La Paga del Sabato di Giuliano Ramella

Vecchi e bambini appassionatamente

[…] “Sceso dalla macchina il Duce si sofferma ad ammirare la grandiosa mole del nuovo Ospedale, entra quindi tra un plotone di Giovani Fascisti e un plotone di Balilla Moschettieri che gli presentano le armi [...] Sotto la pensilina d'ingresso è tutta un

Stampa Home
Articolo pubblicato il 29-11-2014 alle ore 00:00:00.
vecchi-e-bambini-appassionatamente-560fdbb40a9263.jpg
Vecchi e bambini appassionatamente

[…]  “Sceso dalla macchina il Duce si sofferma ad ammirare la grandiosa mole del nuovo Ospedale, entra quindi tra un plotone di Giovani Fascisti e un plotone di Balilla Moschettieri che gli presentano le armi [...] Sotto la pensilina d'ingresso è tutta una fioritura di rododendri […]

1939: i giornali, con enfasi (per i tempi) misurata, raccontano l'inizio di una storia che durerà 75 anni.  2014: i giornali, e soprattutto la rete, raccontano la fine di una storia durata 75 anni, e lo fanno con un profluvio di amarcord, con qualche brillante esercizio calligrafico che veste una nostalgia ruffiana e talvolta canaglia in una gara di struggimento (linguaggio ruvido comme il faut per essere contemporanei) che punta al magone del lettore; siamo alla mozione degli affetti, alla maieutica del ricordo.  E questo oggetto enorme, ingombrante, magnifico e terribile, che è stato per tre quarti di secolo l'alfa e l'omega di centinaia di migliaia di biellesi, diventa tema di acceso dibbbattito: che farne?

Noi di questo giornale abbiamo cercato di lanciare qualche sasso in piccionaia: trasferiamoci l'università dal culo di giove in cui l'abbiamo piazzata, portiamola, convitto e tutto, nel cuore della città con le centinaia dei suoi giovani, il corpo insegnanti e le compagnie cantanti di parenti, inservienti, avventori ed avventizi. Nessuna reazione: chi, in questa città, se la sente di dare un dispiacere a Luigi Squillario che dell'università a Occhieppo e dell'ospedale nuovo nelle paludi di Ponderano è il principale sponsor?  Proviamo con gli anziani, e apriti cielo!  Ci dicono che i vecchi (privi della protezione di qualche potente paraculo) puzzano, si cagano addosso, sono balenghi parkinsonizzati, amebe in carrozzella e in letti antidecubito; sono la morte, facciamoli crepare fuori dalla cinta daziaria così non disturbano. 

Piuttosto, ci dicono, mettiamoci i bambini che sono la vita, la gioia, la speranza, i colori, la pappa e la ciccia.  D'accordo, i bambini (supposto che in questa città continuino a nascerne) sono la vita, l'alfa;  gli anziani (che in questa città sono sempre di più) sono la morte, l'omega; gli studenti le altre lettere, un elemento di giunzione.  Lì dentro c'è posto per tutti.  Lì dentro per tre quarti di secolo sono andati in scena il miracolo della vita, la rappresentazione della sanità, la tragedia della morte.  L'alfa e l'omega possono continuare ad abitarci.  Vogliamo provare a parlarne ?

Tags: la paga del sabato, Giuliano Ramella

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia