Durante e dopo il match l’allenatore della squadra ospite ha inveito duramente contro l’arbitro

Urla e insulti alla partita di calcio

Si è verificato domenica l’ennesimo brutto episodio di poco spirito sportivo. E’ successo al campetto di calcio di via Lombardia. Le squadre in partita erano la Biellese Femminile e la compagine ospite P.V.F.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 23-10-2014 alle ore 00:00:00.
urla-e-insulti-alla-partita-di-calcio-560fd4a1cf64f3.jpg
Ancora un brutto episodio su un campo da calcio (foto d'archivio)

Si  è verificato domenica l’ennesimo brutto episodio di poco spirito sportivo. E’ successo al campetto di calcio di via Lombardia. Le squadre in partita erano la Biellese Femminile, che giocava in casa al campo sportivo corso 53° Fanteria, e la compagine ospite P.V.F. (Pertusio Victor Favria).

Già prima di iniziare il match era evidente che sarebbe stata una partita tesa: a sfidarsi erano le due squadre più quotate del girone femminile.

Alla fine del primo tempo le giocatrici sono entrate negli spogliatoi con il risultato di zero a zero e con diverse occasioni goal da parte di entrambe.

Al quindicesimo del secondo tempo è avvenuta la svolta. Elisa Bani, per la Biellese, ha effettuato un cross dalla destra. Il portiere avversario è riuscito a parare, ma non a trattenere, ed è così rovinato a terra. Stefania Mazzocchi ha colto l’occasione ed infilato la palla in rete con un colpo di testa. Ed è a quel punto che il mister Gianni Musacchio Adorisio, allenatore della squadra ospite, non ha trattenuto la sua delusione e ha iniziato a protestare vigorosamente con l’arbitro, denunciando un presunto fallo sul portiere. L’uomo ha reagito in maniera decisamente poco ortodossa: è andato in escandescenza e l’arbitro, Manuel Pollotti, è così stato costretto ad allontanarlo dal campo estraendo il cartellino rosso. Il risultato è passato sull'1-0 per la squadra di casa e la panchina avversaria ne è uscita innervosita. Dopo dieci minuti dalla rete anche il vice-allenatore è stato espulso e la tensione è salita sempre più. La partita è terminata con la vittoria della Biellese con il risultato di una rete a zero.

A fine gara il mister espulso non ci ha visto più: ha iniziato  ad inveire contro l’arbitro che si stava dirigendo verso gli spogliatoi. Sono così volati insulti e minacce da parte dell’allenatore, che si è aggrappato con fare minaccioso, alla rete che separa gli spogliatoi dalle tribune ed è stato trattenuto per non creare altro trambusto. Nella confusione generale qualcuno ha anche chiamato i carabinieri.

Tags: calcio femminile, urla e insulti alla partita di calcio, biella

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia