All’ufficio notificazioni e protesti del tribunale c’è meno della metà del personale previsto

«Una situazione divenuta insostenibile»

All’ufficio notificazioni e protesti c’è meno della metà del personale previsto

Stampa Home
Articolo pubblicato il 30-04-2014 alle ore 00:00:00.
una-situazione-divenuta-insostenibile-560fabdb78f853.jpg
Il tribunale di Biella (foto Marchisotti)

All’ufficio notificazioni, esecuzioni e protesti del tribunale di Biella manca personale. I posti scoperti sono il 60% del totale previsto.

In una lettera inviata alla Procura della Repubblica di Biella e a tutti gli Ordini dei liberi professionisti il funzionario dirigente Unep, Silvana De Vincentis, denuncia una situazione divenuta insostenibile: «Gli unici due assistenti in forza sono stati applicati presso il Giudice di Pace lasciando completamente scoperto il Tribunale. L’ufficio che prevede una pianta organica di 12 elementi ora ne può vantare solo 5, che di fronte all’ingente mole di lavoro ha dovuto svolgere le mansioni anche degli impiegati mancanti. L’ultima ispezione ha costatato che il personale presente è riuscito con difficoltà a mantenere un livello qualitativo normale dei servizi. La totale assenza di assistenti ha costretto il personale in servizio a svolgere tutte le mansioni, anche quelle inferiori, con la conseguente sottrazione di tempo all’attività istituzionale esterna di esecuzione degli atti. Ora, però, la situazione sta per crollare poiché le ormai scarse energie dei dipendenti, consumate in anni di lavoro, non saranno più sufficienti per sopravvivere, con indubbi riflessi sulla salute dei lavoratori».

Ad aggiungersi a tutto questo ci si mettono anche le infrastrutture.

«L’Unep di Biella – aggiunge la dirigente Unep De Vincenzi - combatte, inoltre, con la scarsità di risorse strumentali e materiali, l’insufficiente disponibilità di spazi e la sistemazione in locali adeguati che non rispondono alle prescrizioni in materia d’infortunistica».

Dello stesso parere è l’avvocato penalista Sandro Delmastro delle Vedove che interviene duramente sull’argomento: «Credo - afferma l’avvocato Delmastro - che sia dovere di cittadino e di avvocato dare la massima pubblicità possibile alla lettera disperata del Funzionario dirigente Unep. Leggendolo con attenzione ci rendiamo subito conto che siamo alla vigilia del disastro. È evidentissima la rilevanza dell’ufficio in questione il cui difettoso funzionamento crea gravissimi problemi alla Giustizia».

Mario Monteleone

Tags: Tribunale Biella, mancanza personale, Sandro Delmastro

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 19-03-2017
Sono giorni che le cronache raccontano della recente visita del capo della Lega a Napoli e del corteo che ha attraversato la città con una coda...
Post Del 28-12-2016
Lele Ghisio Quanto siamo buoni in vista dell’imminente Natale (che sì, per alcuni è anche minaccia imminente nel campo delle emozioni e del traffico...

I più letti

Rubriche della provincia