Venerdì 11 ottobre l'iniziativa organizzata dall'assessorato alla Cultura di Biella

Una serata per commemorare la sciagura del Vajont

Stampa Home
Articolo pubblicato il 02-10-2013 alle ore 19:21:39.
una-serata-per-commemorare-la-sciagura-del-vajont-560fa2c78eebd3.jpg
La desolazione il giorno dopo il disastro del Vajont

In occasione del cinquantenario della sciagura del Vajont, l’assessorato alla Cultura della Città di Biella organizza una serata commemorativa. Venerdì 11 ottobre, alle  21, nella sala conferenze del Museo del Territorio, sarà proiettato l’ultimo documentario di Manuele Cecconello: “Come la luce differita delle stelle. Una memoria del Vajont tra Erto, Casso e Spoon River”.

Ospiti della serata il regista Cecconello, Marco Tonon, già responsabile dell’Ecomuseo del Vajont  “Continuità di vita” di Erto e Casso e docente di Museologia a Padova, e un testimone biellese che nel 1963 prese parte ai lavori di soccorso della popolazione superstite della tragedia.

Il film è presentato sotto il patrocinio della Fondazione Dolomiti Unesco e della Fondazione Mazzotti.

Vajont è il nome del torrente che scorre nella valle di Erto e Casso per confluire nel Piave, davanti a Longarone e a Castellavazzo, in provincia di Belluno (Italia). La storia di queste comunità venne sconvolta dalla costruzione della diga del Vajont che determinò la frana del monte Toc nel lago artificiale. La sera del 9 ottobre 1963 si elevò un'immane ondata che seminò ovunque morte e desolazione.

La stima più attendibile è, a tutt'oggi, di 1910 vittime. Sono stati commessi tre fondamentali errori umani che hanno portato alla strage: l'aver costruito la diga in una valle non idonea sotto il profilo geologico; l'aver innalzato la quota del lago artificiale oltre i margini di sicurezza; non aver dato l'allarme la sera del 9 ottobre per attivare l'evacuazione in massa delle popolazioni residenti nelle zone a rischio di inondazione.

Fu aperta un'inchiesta giudiziaria. Il processo venne celebrato nelle sue tre fasi dal 25 novembre 1968 al 25 marzo 1971 e si concluse con il riconoscimento di responsabilità penale per la prevedibilità di inondazione e di frana e per gli omicidi colposi plurimi.

Ora Longarone e gli altri paesi colpiti i paesi colpiti sono stati ricostruiti, ma la zona in cui si è verificato l'evento catastrofico continua a parlare alla coscienza di quanti la visitano attraverso la lezione, quanto mai attuale, che da esso si può apprendere.

Tags: Redazione

Attualità

Cronaca

  • Aggredita e malmenata dalla vicina

    19-10-2017
    “Appena uscita di casa, sono stata aggredita e malmenata dalla vicina”. È stata una donna residente a Gaglianico a contattare il 112...
  • Ho acquistato latte in polvere, era scaduto"

    19-10-2017
    Cibi scaduti messi in vendita al pubblico. Si ripropone oggi un tema che da sempre contrappone produttori e consumatori, a maggior ragione se riguarda...
  • Maxi multa per un 30enne

    19-10-2017
    Multa da 3mila euro per un automobilista. Un 30enne è stato fermato nei giorni scorsi dalla polizia stradale di Romagnano lungo la A26 . Le infrazioni...

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

  • Fabbriche aperte nel Biellese

    05-10-2017
    Affermare l’immagine del Piemonte come luogo della manifattura intelligente, dell’innovazione industriale e del saper fare è l’obiettivo...
  • Sabato via Italia si tinge di rosa

    05-10-2017
    Grazie all’impegno dell’amministrazione comunale, della Proloco di Biella, di Ascom e Confesercenti sabato 7 ottobre via Italia, sarà...
  • Oggi comincia la grande festa del Rione Riva

    05-10-2017
    Il prossimo fine settimana il rione Riva sarà in festa con una serie di appuntamenti per celebrare il patrono San Cassiano. Gli eventi sono organizzati...

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 13-09-2017
Sorpreso in auto con droga, non aveva patente, assicurazione e revisione 3 Sorpreso alla guida di un'autovettura in possesso di un piccolo quantitativo di droga, a seguito degli accertamenti da parte degli agenti della Questura...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 19-03-2017
Sono giorni che le cronache raccontano della recente visita del capo della Lega a Napoli e del corteo che ha attraversato la città con una coda...
Post Del 28-12-2016
Lele Ghisio Quanto siamo buoni in vista dell’imminente Natale (che sì, per alcuni è anche minaccia imminente nel campo delle emozioni e del traffico...

Rubriche della provincia