L’artista Michele Ramella vorrebbe creare una onlus e raccogliere fondi per la ricerca

Un progetto biellese per combattere la Sla

«Buongiorno, mi presento, sono un disabile di 35 anni affetto da Distrofia Muscolare di Duchenne. Ho un progetto e vorrei lanciare un appello attraverso i giornali»: con queste parole inizia la mail di Michele Ramella.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 09-10-2014 alle ore 00:00:00.
un-progetto-biellese-per-combattere-la-sla-560fd3a5170e73.jpg
Michele Ramella

«Buongiorno, mi presento, sono un disabile di 35 anni affetto da Distrofia Muscolare di Duchenne»: con queste parole inizia la mail di Michele Ramella. Un pugno allo stomaco, come sempre quando si crea un contatto diretto con quei mondi all’apparenza tanto distanti e in realtà così vicini. Una presentazione forte, asciutta, ma che non vuole in alcun modo suscitare compassione. «Ho un progetto e vorrei lanciare un appello attraverso i giornali» scrive infatti subito dopo, e la lettera si colora immediatamente dell’entusiasmo della voglia di fare. Michele è un artista: nella sua prima collezione “Natura Capovolta” (naturacapovoltabymicheleramella.wordpress.com) combina matita colorata e negativo in raffigurazioni dalle tinte oniriche, immaginando un mondo a testa in giù, e ha in cantiere un secondo progetto dal titolo “Holes in the time”, letteralmente “Buchi nel tempo”. L’appello che vuole lanciare è rivolto a tutti gli artisti biellesi, ed è un invito a mettere in gioco la propria arte per sensibilizzare i cittadini su malattie poco conosciute come la SLA, la Sclerosi Multipla, la Distrofia Muscolare di Duchenne e la Retinite Pigmentosa.

«Mi piacerebbe creare insieme ad altri artisti una onlus che raccogliendo ed esponendo le opere dei soci possa promuovere una raccolta fondi a favore dei malati di queste malattie rare, dotata anche di una sede fisica dove gli artisti possano incontrarsi e confrontarsi». La proposta ha già trovato l’appoggio di tre artisti noti nel panorama locale, quali Wilma Camatti, Alessia Chirico e Susanna Platinetti, figlia del compianto Fulvio Platinetti, disponibile da subito a donare alcuni lavori del padre.

«Credo che l’arte sia il miglior mezzo per raggiungere tutte le fasce della popolazione: chi non è sensibile alla bellezza che l’arte trasmette? – sono le parole con cui Michele motiva le proprie intenzioni, e aggiunge – Gli artisti possiedono nel loro dna una naturale sensibilità, la stessa che li spinge a concretizzare il proprio estro creativo». E’ proprio su tale sensibilità, quella degli artisti chiamati a partecipare e quella delle persone che si troveranno davanti alle loro opere, che Michele vuole far leva. Chiunque sia interessato a partecipare al progetto può contattarlo all’indirizzo mplayground@gmail.com.
Gaia Quaglio

Tags: michele ramella, progetto contro la sla, biella, onlus

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia