«Un ko ci sta, ma sono un po’ deluso»

L'intervista a Francesco Montoro dopo la sconfitta di Casale

Stampa Home
Articolo pubblicato il 14-10-2015 alle ore 17:35:02.
«Un ko ci sta, ma sono un po’ deluso» 4
«Un ko ci sta, ma sono un po’ deluso» 4

«Non nascondo che sono un po’ deluso». Non usa giri di parole Francesco Montoro all’indomani del ko dell’Angelico nel derby del PalaFerraris contro Casale.

Il vice-presidente - nonché socio e sponsor di Pallacanestro Biella - non le manda a dire alla squadra, ma alla resa dei conti ammette comunque di restare positivo. Del resto il campionato è solamente all’inizio e la strada è ancora lunga.

Allora Francesco, da dove preferiamo partire?

«L’andamento mi è sembrato un po’ la fotocopia della precedente. Un inizio forse troppo soft, poi una ottima reazione che ci ha permesso di tornare ampiamente in partita. Del resto a cinque minuti dalla fine eravamo a 1. E poi il crollo finale, abbiamo quasi tirato i remi in barca».

Cosa non le è piaciuto in particolare?

«Ho avuto l’impressione che in alcuni momenti i giocatori avessero paura di andare a canestro, avessero timore di prendersi in tiro. Per questo cercavano il passaggio per un compagno. Va bene l’altruismo, ma quando si ha la possibilità e giusto tentare la conclusione, meglio un errore che rifiutare un tiro. Bisogna osare di più, poi avremmo anche potuto perdere ugualmente, per carità, ma il divario sarebbe con tutta probabilità stato differente. E devo ammettere che avrei preferito perdere di due o di tre piuttosto che di 13».

E sullo “0” nella casella dei punti di Marcel Jones?

«Praticamente non è sceso in campo. Forse qualcuno avrebbe dovuto avvisarlo che c’era una partita da giocare? A parte gli scherzi, ha giocato davvero male. Non me lo sarei mai aspettato, anche alla luce delle buone cose fatte vedere solamente la settimana prima contro Agrigento».

Nonostante tutto, però, praticamente senza Jones Biella era a -1 a cinque minuti dalla fine. I motivi per pensare positivo non mancano.

«Certo che no. E’ andata così, abbiamo perso una partita, ci può anche stare. Ora bisogna rimboccarsi le maniche e lavorare per migliorare. Anche perchè nelle prime due giornate abbiamo affrontato altrettante rivali davvero forti e per di più capaci di ripartire dal nucleo dello scorso anno, al contrario di ciò che abbiamo fatto noi. E per di più una di queste gare era un derby, in trasferta. Partire con due sconfitte ci può anche stare. Peccato solo perchè in entrambe le occasioni abbiamo dimostrato di potercela giocare, ma nei momenti decisivi, nei finali di gara, siamo come spariti dal parquet».

Una ricetta per uscire da questo momento difficile?

«Bisogna lavorare con fiducia nei propri mezzi. In settimana andrò a trovare il gruppo e proverò a trasmettere serenità ai ragazzi».

Anche perchè domenica a Biella arriva Barcellona, per un match che potrebbe essere uno scontro diretto.

«Una partita da vincere a tutti i costi. Nel malaugurato caso in cui si ripetesse la prestazione di domenica allora a fine gara sarò davvero inc...o e la gente mi vedrà in curva a fare l’ultras. Come noi soci e sponsor abbiamo dei doveri, nel senso che dobbiamo onorare gli impegni presi, anche i giocatori li hanno. Loro devono lottare per tutti i 40 minuti, senza risparmiarsi. Se poi alla fine si perderò ugualmente allora lo accetteremo senza problemi e applaudiremo gli avversari che si sono rivelati più forti. Ma bisogna lottare, mai mollare».

Uno slogan da vero tifoso.

«Mi preme dire ancora una cosa...».

Prego...

«Questa squadra, dallo staff ai giocatori, è molto giovane. Necessita di tempo prima di potersi esprimere al meglio. Tutti dobbiamo avere pazienza e fiducia nel lavoro delle persone che vestono la maglia di Pallacanestro Biella».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia