Gli affiatati musicisti: «Per noi la musica è un gioco fantastico»

Un gruppo coloratissimo, i Cookies Riot

E’ l'estate del 2007 quando i tre giovani, fondatori della band, si incontrano per la prima volta ad un festival: un feeling immediato e una jam session fanno scaturire l'idea di creare un trio con cui interpretare standard jazz, utilizzando sole chitarre

Stampa Home
Articolo pubblicato il 24-07-2014 alle ore 00:00:00.
un-gruppo-coloratissimo-i-cookies-riot-560fcbc6da3d83.jpg
I Cookies Riot

E’ l'estate del 2007 quando i tre giovani biellesi, fondatori della band, si incontrano per la prima volta ad un festival di musica manouche: un feeling immediato e una jam session improvvisata fanno scaturire l'idea di creare un trio acustico con cui interpretare standard jazz, utilizzando sole chitarre acustiche e voce. Nel 2013 completano la formazione “una batteria scassata e un contrabbasso impiallacciato”, come ci raccontano i musicisti, “ora parte integrante del gruppo”.

Sono proprio il tocco shuffe-bamboo del batterista e lo stile sponge del contrabbassista a nutrire quelle vecchie atmosfere Jazz contraddistinguendo così lo stile del gruppo, che è composto da: Marco Staffolani detto “Brando” (chitarrista e sosia di Marlon Brando), Marco Marzot (chitarrista e sosia di Banderas), Gabriele Marzola detto “Granny Cougar” (cantante e sosia di Paul Newman), Carlo Michelone detto “Bamboo” (batterista e percussionista, sosia di Fox Mulder), Luca Boggio (contrabbassista e sosia di Dana Scully). Una band coloratissima di sfumature frizzanti, quella dei Cookies Riot. Ognuno dei componenti ha studiato musica diversi anni, seguito seminari e corsi di perfezionamento, collaborato con musicisti diversi: un background di esperienze che non sono mai troppe per chi ama le contaminazioni e le sperimentazioni.

“La musica per noi è un gioco fantastico”, ci raccontano, “e la nostra musica riassume un po' il percorso di crescita che abbiamo fatto in questi anni insieme: il blues dei momenti più cupi e vertiginosi, il manouche dell’euforia e della voglia di viaggiare accompagnati solo dai nostri strumenti, il romanticismo della nostra innocua follia e un'ironia di sguardo.”

Negli ultimi anni, l'ensemble partecipa a diversi festival e concorsi: ‘Varigotti Festival’ (2011), ‘Radar - Talent Interceptor’ (2010), che li mette in luce sui quotidiani nazionali (La Stampa) e su riviste musicali specializzate nazionali (Jazz Italia), ‘Music Does Label’ (2011), ‘Tour Music Fest’ (2011) e ‘Progetto B9’ (2011) promosso dall’Assessorato alle politiche giovanili del comune di Biella e ANCI. Grazie alla vincita di quest’ultimo concorso, i Cookies incidono il loro primo Ep con 5 brani di propria composizione e realizzano il videoclip di 'Bon Sexe' , singolo di traino dell’EP. Il video, facilmente rintracciabile su youtube, è una sexy-comica creazione di Yuri Storasi, realizzata con stile impeccabile dal team biellese di 'ZoneCreative'. Un testo divertente, chitarre dalle ritmiche un po' zingare, un po' parigine, un po' sudamericane, e... una voce deliziosa, dalla garbata intonazione un po' retrò.

Domandiamo alla band cosa sta facendo in questo momento, rispondono così: “Ascoltiamo The Atrezzis e ci facciamo un sacco di risate. Riversiamo così l’ispirazione che ne deriva in nuove idee musicali, sempre caratterizzate da voglia di amore, avventura e rapporti di buon vicinato... il filo conduttore della nostra musica! Riguardo al futuro possiamo dire di avere in mente un nuovo amalgama sonoro: nuove armonie vocali, ammiccamenti percussivi… passeggiate al ritmo di 14 corde e 30 dita scattanti.”

Da non perdere!!

Maria Carola Saccoletto

Tags: cookies riot, Maria Carola Saccoletto, biella come seattle, Musica, spettacoli

Articoli dello Stesso Argomento

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia