Un biellese nei luoghi del terremoto per studiare il sisma

Il 26enne Simone Ippolito stanotte ha raggiunto la zona dell'epicentro e installato una stazione di rilevamento mobile

Stampa Home
Articolo pubblicato il 27-08-2016 alle ore 09:32:49.
Al centro, Simone Ippolito, direttore dell'Osservatorio meteosismico di Cavaglià
Al centro, Simone Ippolito, direttore dell'Osservatorio meteosismico di Cavaglià

C'è anche un giovane biellese tra coloro che stanno dando il proprio contributo nell'area colpita dal terremoto. Si tratta di Simone Ippolito che questa notte ha raggiunto Amatrice. Il 26enne di Cavaglià, direttore del locale Osservatorio meteosismico, ha raggiunto il luogo dell'epicentro per effettuare alcune rilevazioni tecniche.

Nel tardo pomeriggio di ieri, dopo aver finito di lavorare, è salito in auto e si è messo in viaggio verso il Lazio.

"Mi sto dirigendo sul luogo dell'epicentro - ha spiegato ieri sera mentre era ancora in viaggio - perché ho bisogno di studiare più da vicino questo evento sismico. Installerò la mia stazione di rilevamento mobile con due sensori e inizierò subito le rilevazioni. A qualche chilometro da Norcia e dal centro abitato di Amatrice, registrerò i vari eventi sismici, che continuano ad essere numerosi. Sono tantissimi quelli superiori al secondo grado della scala Richter. La situazione quindi è ancora molto delicata".

Stamattina Simone ha avuto a che fare con la prima forte scossa: "Questa notte - è l'aggiornamento pubblicato su Facebook - è trascorsa tutto sommato tranquilla. Stamani invece, alle 4 circa, una scossa di 4.0 Richter ha fatto tremare ancora il centro Italia. Durante la prima camminata in campagna ho trovato alcune crepe del terreno che portano alla faglia nel sottosuolo". 

Simone ha raggiunto i luoghi del disastro per poter studiare da vicino la materia della quale si occupa, si fermerà fino a domani. E' partito munito solo della strumentazione necessaria, di viveri e di qualcosa per i terremotati che "nel mio piccolo ci tenevo a portare".

Andare in loco per dare una mano direttamente, invece, non è consigliato, anche perché al momento sul posto ci sono tutte le persone necessarie per portare soccorso alla popolazione: "Ho parlato con alcuni punti di riferimento della Protezione civile - conferma Simone -, mi hanno detto che per quanto riguarda il supporto tecnico, logistico e morale alle persone bisognose colpite da terremoto, i presenti sono più che sufficienti. Sono arrivati circa 4500 uomini e volontari. Essendo una zona fortunatamente a bassa densità di popolazione, in questo momento in paesi come Amatrice e Norcia ci sono più volontari che abitanti. Gli aiuti per adesso non mancano".

La crepa sul terreno fotografata da Simone Ippolito sulla faglia

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia