La rubrica di Alberto Scicolone

Un anno di battaglie per i senza voce

Stampa Home
Articolo pubblicato il 06-08-2014 alle ore 00:00:00.
un-anno-di-battaglie-per-i-senza-voce-560fcc7a5183f3.jpg
Alberto Scicolone

Quasi un anno è passato dal giorno in cui la Nuova Provincia mi chiese se volevo collaborare con una mia rubrica che mi permettesse di portare avanti le mie battaglie per i “ senza voce”.

E’ stato l’inizio di un percorso fantastico che mi ha dato la possibilità di fare ciò che più amo al mondo: scrivere.

Ho sempre creduto che attraverso la scrittura e la poesia l’uomo possa rendere più dolce il mondo e per questo ho cercato di rendere le mie rubriche non solo momenti di parola ma anche attimi di poesia. Ho cercato di far si che nei miei scritti potessero riconoscersi tante persone, quelle umili, quelle che amano gli ultimi, gli animali, la giustizia.

Non so quanto ci sia riuscito ma so che per me scrivervi è stato come poter parlare alla mia anima spesso tormentata e piena di difetti.

Qualcuno mi chiede sempre dove trovo tutti gli argomenti e la risposta è sempre la stessa: dentro di me. Non scrivo per farmi pubblicità, non scrivo per motivi elettorali o propagandistici. Scrivo perchè forse è rimasto in me un bambino che non ha saputo esprimersi laddove i suoi coetanei già correvano verso l’adolescenza, scrivo perché ho imparato quanto possano far male le parole sperse nel vento, scrivo perché voglio dimostrare che non bisogna vergognarsi di mettere a nudo i propri sentimenti, i propri difetti, le proprie carenze.

Scrivo perché ho come prima fonte di ispirazione le creature più pure: gli animali, i bambini, gli anziani, i senza dimora. Scrivo perché ho davanti agli occhi quelle ipocrite fregiate di titoli che riecheggiano nel loro ego come trofei ma che altro non sono che cravatte allacciate a vestiti di marca senza uomini dentro.

Cosa dire, cari amici, mi prendo tre settimane di vacanza, ne ho bisogno, io ho speso tanto per poter dire alle persone: ci sono...e ancor di più per esserci veramente, sempre, di sabato, di domenica e tutti i giorni della settimana.

Qualcuno mi dice che sono tanto buono. No, io non sono buono, sono solo un uomo che cerca di sopravvivere a se stesso e lo fa cercando negli altri il bisogno di sentirsi vivo.

Buone vacanze amici miei cari e un grazie alla Nuova Provincia di Biella per avermi regalato un anno con voi, un anno di voi che avete due gambequattro zampe e tanta, tanta voglia di cambiare il mondo.

Alberto Scicolone
La rubrica “Voce di senza voce”   riprenderà la pubblicazione a settembre

Tags: Alberto Scicolone, Voce di senza voce, rubrica, La Nuova Provincia di Biella

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia