L'uomo che ha chiamato il 112 non voleva fornire le proprie generalità: era lui l’aspirante suicida

“Un amico è andato verso il fiume, vuole togliersi la vita”

«Il mio amico è andato verso il fiume a piedi, si vuole suicidare». La chiamata, giunta al centralino del 112 verso le 23,30 di lunedì.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 12-03-2014 alle ore 00:00:00.
un-amico-e-andato-verso-il-fiume-vuole-togliersi-la-vita-560fa8c25839b3.jpg
L'uomo ha chiamato da una cabina telefonica

«Il mio amico è andato verso il fiume a piedi, si vuole suicidare».

La chiamata, giunta al centralino del 112 verso le 23,30 di lunedì, ha fatto immediatamente scattare l’allarme. Anche se qualcosa, in quella telefonata, non tornava. Alla richiesta di lasciare le proprie generalità, infatti, l’uomo ha preferito non rispondere, fornendo soltanto nome e cognome dell’amico aspirante suicida.

I carabinieri sono però riusciti a rintracciare il segnale, che risultava provenire da una cabina telefonica di Vigliano Biellese, in via Milano. La disperata ricerca si è quindi sviluppata in due diverse direzioni: da un lato i carabinieri hanno iniziato a battere i viadotti biellesi, dall’altro si sono messi sulle tracce del fantomatico amico per avere maggiori informazioni che potessero metterli sulle tracce dell’uomo. I militari della stazione di Candelo hanno dato il primo contributo, scoprendo l’identità del ricercato, anch’egli di Vigliano. Giunti a casa sua, non l’hanno trovato e così si sono rivolti alla moglie da cui si è separato da poco, che ha confermato di averlo visto depresso dopo la fine del loro matrimonio, aggiungendo che negli ultimi giorni era stato male dopo aver assunto dei farmaci. La donna ha poi svelato un dettaglio fondamentale. Quando i carabinieri le hanno fatto ascoltare la registrazione della telefonata al 112, sperando che riconoscesse la voce dell’amico, non ha avuto dubbi: “Non è un amico, è lui”.

Nel frattempo nelle ricerche erano state coinvolte anche le altre forze dell’ordine, si sono mobilitati la Guardia di finanza, la Questura e i vigili del fuoco, che con i loro mezzi illuminavano i ponti per permettere di rilevare l’eventuale presenza di persone.

Le operazioni si sono concluse dopo circa due ore e mezza. L’uomo è stato trovato in via Milano, a Vigliano, agitato e in stato confusionale. Subito dopo è stato affidato alle cure del personale del 118, che lo ha accompagnato all’ospedale. Effettuata una prima visita, ha rifiutato il ricovero e dopo essere stato tranquillizzato è quindi stato riaccompagnato a casa.

Tags: allarme suicidio, Vigliano Biellese, carabinieri

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia