Dopo otto mesi di trattative

Tutti licenziati i 22 dipendenti di una cooperativa

Stampa Home
Articolo pubblicato il 22-04-2016 alle ore 10:33:44.
Tutti licenziati i 22 dipendenti di una cooperativa 4
Tutti licenziati i 22 dipendenti di una cooperativa 4

Si è conclusa nel peggiore dei modi l’avventura professionale dei 22 dipendenti (più quattro esterni) della coop Bios che da anni si occupava dei pazienti della ex casa di riposo di Bioglio, sistemati da ultimo negli spazi nel reparto di lungodegenza all’interno del nuovo ospedale. Il primo gruppo di lavoratori è stato licenziato il 31 marzo, il secondo, e ultimo, il 15 aprile, ovvero venerdì scorso. Gli otto mesi trascorsi - il loro caso era venuto a galla nell’estate del 2015 - in incontri, riunioni in Regione e sul territorio, non hanno portato a nulla. Come spesso accade gli attestati di stima e incoraggiamento da parte delle autorità pubbliche non hanno portato da nessuna parte.


L’epilogo della storia della coop Bios  ha inizio nell’agosto dello scorso anno quando l’assessorato alla Sanità della Regione Piemonte decide di ricollocare gli ospiti di Bioglio in due strutture private, la clinica Vialarda di Biella e la casa di cura San Giorgio di Viverone. Un passaggio giustificato dalla politica di risparmi ma che non tiene minimamente conto della sorte dei lavoratori in quanto le due istituzioni subentranti si dichiarano nell’impossibilità di procedere a nuove assunzioni, essendo in grado di svolgere i nuovi servizi con proprio personale. Nel decreto regionale viene anche indicata formalizzata la data del passaggio, ovvero il 31 dicembre.


Il destino dei 22 dipendenti diventa immediatamente di dominio pubblico e i rappresentanti dei lavoratori ottengono in breve un incontro con l’assessore regionale Antonino Saitta per vedere di trovare una soluzione meno traumatica del licenziamento tout court. Nel frattempo anche gli enti locali si mobilitano con attestazioni di stima e solidarietà.


Nelle settimane successive, in effetti, prendono piede due proposte concrete. La prima è dell’istituto Cerino Zegna di Occhieppo Inferiore che nell’ambito di un progetto di aumento della capienza dei propri posti letto si dichiara disponibile ad assorbire il personale, o parte di esso, della cooperativa, il secondo invece è della stessa San Giorgio intenzionata ad aprire un reparto destinato ai minori con problemi psichiatrici, struttura di cui il Piemonte è privo. Mettendo da parte la reale fattibilità delle soluzioni prospettate, iI problema è che ambedue le ipotesi devono obbligatoriamente ottenere il nullaosta regionale ma Torino non risponde.


Così, mentre i pazienti di Bioglio abbandonano gli ampi spazi del nuovo ospedale, per i 22 dipendenti arriva il momento peggiore, ovvero la perdita dell’impiego senza alcuna possibilità di reintegro.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia