Il trasferimento entrerà nel vivo lunedì 24 novembre

Trasloco nel nuovo ospedale, ecco tutte le indicazioni dell'Asl

Entra nel vivo il trasferimento dal vecchio al nuovo ospedale, ecco il vademecum per non farsi trovare impreparati da lunedì 24 a giovedì 27 novembre.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 20-11-2014 alle ore 00:00:00.
trasloco-nel-nuovo-ospedale-ecco-tutte-le-indicazioni-dellasl-560fdb417d3203.jpg
Trasloco nel nuovo ospedale, ecco tutte le indicazioni dell'Asl

Entra nel vivo il trasferimento dal vecchio al nuovo ospedale, ecco il vademecum per non farsi trovare impreparati. Da lunedì 24 a giovedì 27 novembre via Caraccio sarà chiusa al traffico. Per quanto riguarda il Pronto soccorso, invece, quello della vecchia struttura sarà aperto fino alle 20 di giovedì, quando aprirà quello del nuovo ospedale.

Pubblichiamo di seguito tutto quello che c'è da sapere.

1) IL TRASFERIMENTO DEI PAZIENTI RICOVERATI

Da lunedì 24 a giovedì 27 Novembre avverrà il trasferimento al nuovo ospedale dei pazienti ricoverati all’Ospedale degli Infermi di via Caraccio.  A questo scopo, l’ASL BI ha istituito un’unità di crisi presso la Direzione Medica dell’Ospedale, presieduta dal Direttore Generale e che coinvolge anche il 118 di Novara, la Protezione Civile, i Comandi dei Vigili Urbani di Biella e di Ponderano.

Si tratterà di giornate di emergenza, in cui dovranno essere trasferiti tra i 50 e i 70 pazienti ogni giorno, con il coinvolgimento di una decina di autoambulanze e mezzi sanitari, messi a disposizione dalle Croci (Croce Rossa di Biella, Cavaglia, Cossato, Croce Blu e Croce Bianca).

Per consentire le operazioni, via Caraccio sarà chiusa al traffico. Pertanto, gli utenti che debbano ancora usufruire della vecchia struttura ospedaliera, se non per urgenze, in quei giorni dovranno utilizzare l’accesso all’ospedale da via Marconi, evitando così di intralciare il traffico in prossimità di via Caraccio.

L’Azienda Sanitaria raccomanda ai cittadini di non recarsi nel vecchio e nel nuovo ospedale per assistere alle operazioni di trasferimento, che saranno monitorate e gestite dal personale addetto. Il trasferimento dei degenti si svolgerà in presenza di personale medico ed infermieristico dei reparti coinvolti, che si occuperà di tutte le operazioni di trasporto e che sarà sempre presente per soddisfare ogni richiesta di assistenza ai pazienti.

Il percorso sarà presidiato dalla Polizia Municipale e dalla Protezione Civile. Tutti i cittadini sono invitati a consentire il transito facilitato dei mezzi sanitari.

Le persone e le auto non autorizzate ad accedere al vecchio o al nuovo ospedale saranno allontanate.

2) URGENZE DA PRONTO SOCCORSO

Per agevolare le operazioni di trasferimento dei degenti è fondamentale la collaborazione di tutta la cittadinanza; l’Azienda Sanitaria Locale di Biella raccomanda, pertanto, di recarsi al Pronto Soccorso solo in caso di reale urgenza e, nel dubbio, di consultare il proprio medico di famiglia (MMG) o la guardia medica.

Il 118 di Novara, che collabora alle operazioni di trasferimento, è comunque già stato informato ed è stato invitato a dirottare alcune urgenze verso i Pronto Soccorso degli ospedali limitrofi.

Il Pronto Soccorso del nuovo ospedale aprirà giovedì 27 Novembre, alle ore 20.

3) INFORMAZIONI AI FAMILIARI DEI PAZIENTI DA TRASFERIRE

Nei giorni dal 24 al 27 Novembre, le visite ai degenti nel vecchio ospedale saranno limitate all’orario 18-20, entrando dall’ingresso di via Marconi.

Nel giorno del trasferimento del reparto in cui è ospitato il proprio congiunto si raccomanda di non recarsi presso l’Ospedale degli Infermi di via Caraccio per non creare ostacolo alle operazioni di trasloco, bensì al nuovo presidio come da indicazioni fornite dal personale di reparto ai congiunti più stretti. Altri amici e famigliari dovranno rinviare la visita a trasloco avvenuto.

In questi giorni è infatti stato consegnato ai famigliari dei degenti un opuscolo con le informazioni necessarie e completo di pass di accesso al nuovo ospedale, per il periodo tra il 24 e il 30 novembre, valido per una sola autovettura.

In particolare, la procedura prevede che:

  • gli effetti personali del degente vengano raccolti da un famigliare il giorno precedente il trasferimento del reparto di via Caraccio e portati al nuovo ospedale nell’orario in cui il proprio congiunto raggiungerà la nuova struttura;
  • i famigliari, una volta giunti al nuovo ospedale, attendano nell’atrio di ingresso, dove il personale volontario autorizzato li accoglierà e li accompagnerà al letto del paziente, non prima che tutte le operazioni di trasloco si siano concluse. La Protezione Civile e l’Associazione Nazionale Alpini collaboreranno con il personale ospedaliero e con quello delle Croci per assistere i famigliari dei pazienti autorizzati ad accedere in ospedale;
  • i bambini e i neonati saranno ovviamente trasferiti con le loro mamme.

 

Il  trasloco dei reparti avverrà in quest’ordine, scaglionato per giornate e fasce orarie:

- 24 novembre: reparti di area medica e semintensiva;

- 25 novembre: reparti di area chirurgica e completamento area medica;

- 26 novembre: reparti di cardiologia, rianimazione, post-acuzie, psichiatria e fisiatria;

- 27 novembre: reparti di area materno-infantile, pronto soccorso;

- 28 novembre: eventuali degenze residue.

 

Nel nuovo ospedale, le visite dei famigliari ai degenti saranno possibili dopo la conclusione delle fasi di trasloco, orientativamente dalle ore 13 alle 14 e dalle 18 alle 20.

Tags: nuovo ospedale, vecchio ospedale, biella, trasloco, trasferimento, indicazioni asl

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia