Lo afferma Benito Possemato, popolare ristoratore del Piazzo

"Trasformare la funicolare in ascensore? Una buona idea"

La gente che vive e lavora al Piazzo come ha accolto l'ipotesi di trasformare la funicolare in ascensore? Lo abbiamo chiesto a Benito Possemato, titolare del ristorante La Civetta nonché consigliere comunale. “Sono stato letteralmente subissato di telefon

Stampa Home
Articolo pubblicato il 20-01-2015 alle ore 00:00:00.
trasformare-la-funicolare-in-ascensore-una-buona-idea-560fdffc92cf23.jpg
Benito Maria Possemato

La gente che vive e lavora al Piazzo come ha accolto l'ipotesi di trasformare la funicolare in ascensore? Lo abbiamo chiesto a Benito Possemato, titolare del ristorante La Civetta nonché consigliere comunale.

“Sono stato letteralmente subissato di telefonate e richieste di delucidazioni – afferma l'esponente di I love Biella -. Molte persone, infatti, si sono rivolte a me dopo aver letto il titolo da prima pagina del  vostro giornale. Il fatto di non aver approfondito la questione, limitandosi al titolo o alla locandina,  ha creato un po' di confusione. Quell' ”Addio alla funicolare” ha seminato non poco panico tra le persone che hanno a cuore questo “pezzo” della nostra città. Ho spiegato a ciascuno di loro che l'amministrazione Cavicchioli non ha alcuna intenzione di eliminare il sistema di trasporto che collega il borgo alto della città. E, anche volendo, non lo potrebbe fare. La funicolare, infatti è tutelata dalla Sovrintendenza ai beni culturali e ci sono regole e limiti severi. Il servizio, quindi, non sparirà ma potrebbe subire delle modifiche. Un'ipotesi che non mi spaventa, anzi ritengo più che buona. D'altronde i tempi cambiano e non si possono fermare evoluzione e progresso. La funicolare originariamente è nata con un sistema di funzionamento ad acqua, poi si è adeguata ai tempi ed è diventata elettrica. Ora  potrebbe di nuovo cambiare qualcosa. Ma esteticamente sarà sempre la stessa, anzi l'idea è quella di migliore gli interni sostituendo le sedute con delle panchine in legno del tutto simili a quelle originarie”.

Non tutto il progetto convince però pienamente il consigliere di I Love Biella.

“Non sono d'accordo sul fatto di dare un servizio gratuitamente – puntualizza Possemato – Si può pensare ad un prezzo politico, magari solo 50 centesimi per ogni corsa  al posto dell'euro e 20 attuali. Si può anche estendere la durata del biglietto all'intera giornata, ma non si può non far pagare nulla. Questi soldi potrebbero formare un tesoretto da reinvestire per opere straordinarie”.

Ma non è questo l'unico neo. “C'è ancora  una serie di questioni che andrebbero approfondite meglio – afferma -. Tra queste ritengo che tre siano fondamentali. Mi riferisco alla manutenzione, alla sicurezza e al controllo. Vorrei sapere cosa succede se l'ascensore si guasta, un inconveniente che accade molto spesso. E se qualcuno rimane chiuso all'interno magari a tarda sera? Senza persone che vigilano sul buon funzionamento del sistema di trasporto potrebbero in alcuni casi volerci ore prima di riuscire a liberare i malcapitati. Mi piacerebbe anche sapere se sono stati stabiliti degli orari di funzionamento o se di notte l'ascensore si ferma e vengono chiusi i cancelli. Insomma, l'esperimento è stato fatto con successo in altre città come ad esempio a Mondovì e a Parigi, anche Biella potrebbe seguire questa strada, ma ci sono ancora un po’ di punti da chiarire”.

e.f.

Tags: Benito Possemato, funicolare, ascensore, piazzo, Comune di Biella

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia