Una giornata di studio dedicata alla Telemedicina nel nuovo ospedale

Tessuti interattivi per prevenire e controllare le patologie

Lunedì 28 luglio, la Sala Convegni del nuovo ospedale dell’ASL BI accoglierà la giornata di studio, ad ingresso gratuito, dal titolo “Applicazioni operative di nuove tecnologie di Telemedicina”, promossa dall’Azienda Sanitaria Locale di Biella

Stampa Home
Articolo pubblicato il 22-07-2014 alle ore 00:00:00.
tessuti-interattivi-per-prevenire-e-controllare-le-patologie-560fcb964e39e3.jpg
Tessuti interattivi per prevenire e controllare le patologie

Lunedì 28 luglio, la Sala Convegni del nuovo ospedale dell’ASL BI accoglierà la giornata di studio, ad ingresso gratuito, dal titolo “Applicazioni operative di nuove tecnologie di Telemedicina”, promossa dall’Azienda Sanitaria Locale di Biella con la collaborazione dell’associazione “Tessile e Salute”.

L’evento formativo, che prenderà avvio a partire dalle ore 14 per concludersi intorno alle 19, si rivolge principalmente a tutte le aziende del comparto produttivo interessate ad investire in innovazione ed è aperto, in regime di accreditamento ECM, al personale sanitario dell’ASL BI, ai Medici di Medicina Generale e ai Pediatri di Libera Scelta.

Spiega Franco Piunti, Direttore Sanitario dell’ASL BI e responsabile scientifico del convegno: «Alla luce della grave crisi economica che sta colpendo il nostro Paese ed il territorio locale, l’ASL BI, che è l’azienda più grande del Biellese, ha l’obbligo di essere soggetto promotore di ricerca per la creazione di prodotti che siano competitivi e che rispondano ai bisogni di salute della popolazione. L’Europa stessa indica nella ricerca sui prodotti legati a salute ed ambiente uno dei più importanti strumenti per la ripresa economica; inoltre, i progetti che verranno presentati in occasione della giornata di studio di lunedì possono essere inseriti nei piani strategici della Regione Piemonte collegati alla “Smart specialization strategy”. L’ASL BI si è già resa protagonista in questa direzione, come socio fondatore dell’associazione “Tessile e Salute”; da circa un anno, l’Azienda Sanitaria ha firmato un accordo con l’Università di Novara, Fondazione Edo ed Elvo Tempia e Città Studi sulla ricerca di nuove tecnologie applicabili al tessile e ha costituito un gruppo di medici dedicati alla sperimentazione in questo ambito. L’obiettivo, dopo aver definito un prodotto tessile sicuro e confortevole, è ora quello di porre le basi scientifiche per lo studio di tessuti interattivi che siano in grado di prevenire le situazioni patologiche o di segnalarne i possibili sviluppi, migliorando l’assistenza ai pazienti. Il convegno intende dunque essere l’inizio di questo percorso».

Nello specifico, l’idea è quella di realizzare tessuti dotati di biosensori, in grado di dare informazioni sullo stato di salute della persona. Su questo fronte stanno già lavorando i ricercatori dell’Università degli Studi e del Politecnico di Torino, che saranno presenti al convegno in qualità di relatori. Gianfranco Zulian, Direttore Generale dell’ASL BI commenta: «Sarà molto interessante potersi confrontare con questi professionisti, che illustreranno i progetti in corso e ci consentiranno di valutare la possibilità di sperimentarli anche nel nuovo ospedale dell’ASL BI, coinvolgendo gli specialisti dell’Azienda sanitaria biellese che già si stanno occupando di ricerca in questo ambito». Si ricorda, infatti, che all’Ospedale degli Infermi ben 100 professionisti sono impegnati in attività di ricerca nelle diverse discipline.

A livello generale, esempi concreti di sperimentazioni in corso sono lo studio delle sostanze volatili prodotte dal corpo umano per la diagnosi precoce di alterazioni fisiologiche e la possibilità di realizzare tessuti ad hoc in grado, cioè, di percepire queste stesse sostanze; lo studio di tessuti che, indossati, trasmettono informazioni sullo stato di salute del paziente in presenza di segnali di malessere, sfruttando il principio della “Telemedicina”, cioè della trasmissione a distanza delle informazioni sanitarie, da medico a paziente o da medico a medico. In questo ambito si inserisce anche la “teleriabilitazione”, che consiste nella possibilità per il medico di verificare a distanza la corretta esecuzione degli esercizi di riabilitazione effettuati dal paziente e di ottenere informazioni sul recupero del tono muscolare.

La giornata di lunedì rappresenterà anche l’occasione per raccogliere eventuali adesioni ai numerosi progetti anche da parte di aziende di altri comparti, dunque non solo tessili, interessate ad investire in innovazione.

L’apertura della giornata di studio di lunedì 28 Luglio sarà affidata al Direttore Generale dell’ASL BI, Gianfranco Zulian. Seguiranno la presentazione del progetto “Telemedicina”, a cura di Claudio Martina, Responsabile della Struttura semplice Programmazione, Qualità e Sviluppo organizzativo dell’Azienda Sanitaria Locale di Biella, e gli interventi di numerosi relatori esterni, moderati da Franco Piunti: Roberto Merletti, Professore presso il Dipartimento di Elettronica e Direttore del Laboratorio di Ingegneria del Sistema Neuromuscolare del Politecnico di Torino; Alberto Botter, ricercatore presso il medesimo laboratorio; Candido Fabrizio Pirri, Professore presso il Dipartimento di Scienza Applicata e Tecnologia del Politecnico di Torino; Marco Bazzani, Responsabile del programma strategico “Smart Health”; Massimo Maffei, Professore Ordinario di Fisiologia Vegetale al Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi dell’Università degli Studi di Torino.

Per informazioni ed iscrizioni (entro giovedì 24 Luglio) è possibile contattare la segreteria organizzativa, Struttura Formazione e Comunicazione dell’ASL BI, al numero di telefono 015.15153961.

Tags: asl bi, telemedicina, giornata di studio, innovazione, controllo patologie

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia