Sui trasporti ferroviari biellesi proprio non ci siamo, parola di un pendolare

E' in dubbio che siamo i più penalizzati per quanto riguarda i trasporti pubblici ferroviari: i pendolari sono in aumento costante e il servizio in diminuzione, anch'esso costante, nonché in peggioramento.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 20-10-2014 alle ore 00:00:00.
sui-trasporti-ferroviari-biellesi-proprio-non-ci-siamo-parola-di-un-pendolare-560fd476ea2053.jpg
Sui trasporti ferroviari biellesi proprio non ci siamo, parola di un pendolare

Riceviamo e pubblichiamo.

Il 17 ottobre, il Presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, e la Giunta regionale sono stati a Biella per incontrare il territorio. Fortunatamente abbiamo avuto la buona notizia che la Regione darà 600.000 Euro al nuovo Ente Provincia, per garantire il riscaldamento alle scuole superiori e lo spazzamento neve. Meno buone sono le notizie riguardo il trasporto ferroviario. Per la tratta Biella-Novara (che frequento giornalmente) nulla da fare, non ci sono i soldi necessari per gli adeguamenti all'infrastruttura che permetterebbe di innalzarne la velocità e abbassare, così, i tempi di percorrenza anche perché la sola eliminazione dei passaggi a livello non sarebbe sufficiente a raggiungere questo obiettivo. Si è parlato anche di un possibile nuovo collegamento Biella-Rho/Rho-Fiera che poteva essere anche utile in vista di Expo 2015, ma pure per questo i soldi per allestirne il servizio non ci sono.

E' in dubbio che siamo i più penalizzati per quanto riguarda i trasporti pubblici ferroviari: i pendolari sono in aumento costante e il servizio in diminuzione, anch'esso costante, nonché in peggioramento. Certamente le colpe non sono di Chiamparino e della sua Giunta, pur aspettandosi di più, ma provengono da lontano e anche dal nostro territorio tutto che negli anni delle "vacche grasse" ovvero quando i soldi da spendere c'erano, non ha mai pensato compiutamente a riorganizzare, velocizzare e modernizzare il servizio di trasporto ferroviario, trovandoci oggi in condizioni veramente misere.

Tornando alla linea Biella-Novara mi chiedo provocatoriamente, alla luce di tutto ciò, perché tenerla ancora in piedi, visto che nulla per velocizzarla si può fare allo stato attuale e probabilmente nemmeno tra qualche anno. A questo punto puntiamo tutto sulla tratta Biella-Santhià che ha tempi di percorrenza tutto sommato accettabili (circa 20/30 minuti); con questo collegamento si arriva a Santhià, stazione servita dalla linea Torino-Milano, e si può raggiungere oltre che Torino anche Milano, in tempi decisamente più dignitosi che passando da Novara. Ormai non ci resta che piangere e pensare a soluzioni estreme che fanno pensare più a una guerra tra poveri, che tutti i giorni affrontano la quotidianità del viaggiare in treno per andare a lavorare o studiare.

Renzo Belossi

Tags: trasporti, trasporto ferroviario, pendolari, biella

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia