Piera Masuero soffre di due patologie non riconosciute dalla Regione Piemonte

«Sto male e la sanità mi nega i farmaci»

Piera Masuero, 54 anni, originaria di Cossato: "Soffro da più di due anni di fibromialgia ed Mcs, problemi di salute fortemente invalidanti, ma non ho diritto ad avere i farmaci tramite la sanità pubblica. La Regione non riconosce queste malattie"

Stampa Home
Articolo pubblicato il 20-07-2014 alle ore 00:00:00.
sto-male-e-la-sanita-mi-nega-i-farmaci-560fcb7f9ce373.jpg
Piera Masuero

"Soffro da più di due anni di problemi di salute fortemente invalidanti, ma non ho diritto ad avere i farmaci tramite la sanità pubblica. Scriverò ancora alle Istituzioni regionali e all’Asl, intanto è importante che si sappia cosa significa vivere nella mia condizione".

A rendere nota la situazione è Piera Masuero, 54 anni, originaria di Cossato. "Sono affetta da fibromialgia in stato avanzato e da mcs, sensibilità chimica multipla, allo stadio iniziale. Sono due patologie che mi rendono la vita gravosa, non solo nel quotidiano, ma anche in società. Uno stato che i legislatori non hanno ancora ben compreso. La Regione non riconosce queste malattie, forse perché ci vede come un’ulteriore spesa da sostenere, ma non pensa che siamo già un onere notevole in ambito lavorativo. Se io, come tutti gli ammalati nella mia situazione, avessi avuto subito la diagnosi corretta, ora non sarei invalida. Se ci fosse più ricerca, più collaborazione, i medici avvierebbero subito le terapie, anche se sono sperimentali, e tutti noi ammalati vivremmo meglio. Per ora veniamo sballottati da uno specialista all’altro, secondo i sintomi riscontrati che spesso sono comuni ad altre affezioni. Nel frattempo diventiamo invalidi e siamo un costo per la società".

La Mcs è la patologia genetica che rende il corpo intollerante alle sostanze chimiche, mentre la fibromialgia comporta forti dolori alle articolazioni e ai muscoli, con parestesie e fastidiose sensazioni di punture di spilli agli arti.

"Sono dolori che non si possono controllare con i normali antidolorifici e costringono a letto. Io sono rimasta su di una carrozzella per un anno e mezzo. E’ una patologia che si ipotizza sia riconducibile all’ambiente inquinato dalla chimica e a uno stile di vita stressante. Le sostanze tossiche non sono più metabolizzate dal corpo e si depositano nelle articolazioni. La Mcs invece mi è stata riconosciuta dal professor Giuseppe Genovesi, operativo al policlinico Umberto I° di Roma. Nel Lazio la malattia è ritenuta rara e invalidante, ma è l’unica regione che la considera tale. Comunque il foglio, che rileva le alterazioni genetiche, in Piemonte non serve e i farmaci sono tutti a mio carico. I medici però dovrebbero tenerne conto. A Cossato - conclude - ci sono almeno altri sei casi come il mio e nel Biellese sono almeno cinquanta".

Piera Masuero è referente per il Piemonte di Adas onlus, l’associazione per la difesa dell’ambiente e della salute che lotta per i diritti degli ammalati. Per avere informazioni si può visitare il sito www.associazioneadas.com.

Anna Arietti

Tags: piera masuero, malattia, sanità pubblica, cossato, Regione Piemonte, salute, anna arietti

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia