«Servono medici, non veterinari»

Critiche del sindacato all’assunzione annunciata nei giorni scorsi dall’Azienda sanitaria locale

Stampa Home
Articolo pubblicato il 29-12-2015 alle ore 20:05:38.

Ancor più in periodi come quello che stiamo vivendo, le nuove assunzioni da parte degli enti pubblici dovrebbero essere celebrate con l’inno alla gioia e il lancio di mortaretti. Ma a Biella non è così.

Almeno questo è quanto accaduto in questi giorni dopo la decisione dell’Azienda sanitaria di bandire un concorso per l’assunzione a tempo determinato (un anno) di un veterinario. Immediata la replica del sindacato, certamente molto arrabbiato dopo che le seimila assunzioni immediate promesse dal governo si sono dimostrate una mezza bufala: «Nella nostra azienda non servono veterinari - è il senso della polemica- o per meglio dire, prima è necessario procedere all’inserimento di altre figure professionali, in particolare quelle che si occupano della sicurezza sui luoghi di lavoro».

 

«Apprendiamo che l'Azienda sanitaria di Biella - si legge nel comunicato che porta la firma delle segreterie Cgil, Cisl e Uil - ha bandito un posto di dirigente veterinario e ne sta predisponendo la selezione per il conferimento di un incarico temporaneo di un anno. Le organizzazioni sindacali di Cgil, Cisl e Uil sono sempre contente quando c'è la possibilità di assumere soprattutto nel settore pubblico dove le assunzioni sono bloccate da anni e quelle poche che si fanno, si fanno con il contagocce».

 

Premesso questo, si passa poi al nocciolo della questione: «E' proprio per questo che vorremmo capire come si scelgono le priorità in un territorio come il nostro. Noi ne indichiamo una. Nella nostra Asl il dipartimento veterinario ha nel suo organico 14 medici veterinari e 3 tecnici. Il servizio di prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro ha nel suo organico due medici del lavoro e otto tecnici della prevenzione. Nel nostro territorio vi sono 13.000 aziende, ottomila di queste con almeno un dipendente per un totale di 40.000 lavoratori dipendenti. Qui sarebbero necessari ulteriori medici, tecnici, assistenti sanitari».

 

Espresse le motivazioni del loro dissenso i sindacati chiudono: «Una delle priorità è la prevenzione e la tutela della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro. L'emergenza non sta nel servizio veterinario ma nell'assumere medici, tecnici, infermieri che prestano assistenza alle persone».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia