Ramella Trotta: «Il problema demografico è grave, serve una politica per il territorio»

Scuola, drammatico calo degli iscritti

Un drammatico calo degli iscritti. E’ quanto si evince dai numeri dei bambini iscritti per il prossimo anno scolastico alla classe prima della scuola primaria. La nostra Provincia registra, infatti, una contrazione rispetto all’anno in corso di ben 114 un

Stampa Home
Articolo pubblicato il 00-00-0000 alle ore 00:00:00.
scuola-drammatico-calo-degli-iscritti-560fa1f94bd593.jpg
Scuola, drammatico calo degli iscritti

Un drammatico calo degli iscritti. E’ quanto si evince dai numeri dei bambini iscritti per il prossimo anno scolastico alla classe prima della scuola primaria. La nostra Provincia registra, infatti, una contrazione rispetto all’anno in corso di ben 114 unità. «Il problema - spiega Marco Ramella Trotta, segretario generale della Flc Cgil di Biella - oggi è più profondo. Siamo in presenza di un calo demografico davvero allarmante».

A rendere ancor più grave il dato è l’aggregato regionale. Se, da una parte, Biella perde 114 bambini il Piemonte nel suo complesso fa segnare un saldo negativo di 108 unità. In altre parole, ad affossare il dato della nostra Regione è proprio la Provincia laniera. «I numeri ci dicono che in media, senza conteggiare il Biellese, il Piemonte registrerebbe un incremento di sei bambini».

A fare da contraltare a questi dati già di per sè disarmanti c’è la ricaduta sul personale docente. I primi numeri in arrivo dall Direzione regionale delineano un calo di 11 unità per gli organici dei docenti in vista dell’anno scolastico 2014/15: due posti in meno sulla scuola dell’infanzia (da 285 a 283) e nove posti in meno su quella primaria (da 626 a 617). «Nelle prossime settimane - prosegue Ramella Trotta - il quadro sarà completo anche per gli altri ordini e gradi e potremo trarre le nostre considerazioni a carattere sindacale. Al momento registriamo una lieve contrazione degli organici dovuta però non ai soliti vergognosi tagli del Ministero bensì ad un preoccupante calo degli iscritti». Già perchè almeno per una volta la riduzione del personale non arriva da una decisione presa da Roma, ma è piuttosto fisiologica considerando il drastico calo delle iscrizioni.

Inoltre bisogna tenere in considerazione un altro fattore. Il calo è concentrato principalmente sulle classi prime (-8%). Questo significa che in prospettiva futura, quando diventeranno seconde, terze e così via la situazione è destinata ulteriormente a peggiorare. «Una volta che il trend si stabilizza è preoccupante. Meno iscritti significano meno insegnanti. E un insegnante che non lavora produce un effetto a catena: ha meno soldi da spendere e consuma di meno. La questione è politica. Biella è un territorio con un grave problema demografico, che offre sempre meno lavoro e nessuna speranza per il futuro, e il calo delle nascite non viene nemmeno più compensato dalle famiglie extra-comunitarie. Tante persone stanno abbandonando le vallate, completamente dimenticate dall’amministrazione che ha tagliato i servizi, dall’acquedotto agli autobus, relegandole all’isolamento. Servono politiche per il territorio immediate».

Tags: scuola, calo iscritti, marco ramella trotta, cgil, biellese

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 07-01-2017
Biella: minori ubriachi danneggiano le auto in sosta 3 Tre ragazzini sono stati denunciati dalla Polizia per danneggiamento e minacce a pubblico ufficiale, dopo essere stati sorpresi ubriachi da una pattuglia...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 19-03-2017
Sono giorni che le cronache raccontano della recente visita del capo della Lega a Napoli e del corteo che ha attraversato la città con una coda...
Post Del 28-12-2016
Lele Ghisio Quanto siamo buoni in vista dell’imminente Natale (che sì, per alcuni è anche minaccia imminente nel campo delle emozioni e del traffico...

Rubriche della provincia