L’ufficialità si avrà solo la prossima settimana. La CGIL: «Impensabile che avvengano nuovi tagli»

Scuola, a rischio 13 posti

Scuola, a rischio 13 posti. L’ufficialità si avrà solo la prossima settimana. La CGIL: «Impensabile che avvengano nuovi tagli»

Stampa Home
Articolo pubblicato il 21-06-2014 alle ore 00:00:00.
scuola-a-rischio-13-posti-560fc8f85b4173.jpg
Sono 13 i posti da docente a rischio. La prossima settimana si saprà qualcosa in più

Nonostante un aumento di circa 170 studenti iscritti, potrebbero essere tagliati ben 13 posti docenti nella scuola superiore-  lo annuncia il sindacato pubblicando sul sito del FLC CGIL di Biella il file aggiornato sulla situazione organici docenti per la nostra provincia.

Nell’ ambito della scuola dell’infanzia, dalla scuola primaria di primo e secondo grado e dalla scuola secondaria di primo grado, si registra che il numero degli iscritti è fortemente calato, portando ad una conseguente e giustificata diminuzione del corpo docenti. Invece, nelle scuole secondarie di secondo grado c’è stato un notevole incremento di nuovi scolari, dove si contano ben 170 inscrizioni in più, ma 13 insegnanti in meno.

«Una situazione impensabile - queste le parole del signor Marco Ramella Trotta, sindacalista biellese.  - Stiamo combattendo per cercare far si che questi docenti rimangano attivi. Però, se non dovessimo riuscire ad avere successo, la funzionalità all’interno delle nostre scuole superiori non potrà più essere garantita. E’ assurdo che con un aumento degli studenti iscritti, anziché aumentare i docenti, siano soppressi».

La prossima settimana si terranno alcuni incontri del sindacato con l’Ufficio Scolastico Territoriale e Torino, al fine di discutere sul da farsi e per decidere i dati ufficiali.

In ogni caso, la condizione è decisamente preoccupante: con questi numeri, si creerà inevitabilmente una situazione insostenibile, sia per gli alunni che per i docenti. Potrebbero, di fatto, verificarsi  casi di classi formate al di fuori delle regole ed in violazione delle norme in vigore in materia di sicurezza, oppure si potrebbe arrivare addirittura alla soppressione di alcuni indirizzi scolastici.

Le motivazioni del Ministero di Roma sono principalmente economiche. Una politica dei tagli che non si occupa né dei reali bisogni del territorio, né di quelli delle singole scuole, continuando a guardare all’istruzione come ad un costo anziché un investimento per il futuro del Paese.


Virginia Cerato

Tags: scuola, tagli personale, cgil

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia