Revello e Tomat contestano la nomina di figli di politici in carica avvenuta alle scorse elezioni

«Scrutatori ai seggi, parentopoli anche a Cossato»

Lunedì sera il consigliere comunale Stefano Revello ha protocollato in Comune una lettera che riguarda la presunta nomina come scrutatori ai seggi di parenti di politici in carica. Il fatto risalirebbe alle scorse elezioni amministrative.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 22-10-2014 alle ore 00:00:00.
scrutatori-ai-seggi-parentopoli-anche-a-cossato-560fd49879af43.jpg
«Scrutatori ai seggi, parentopoli anche a Cossato»

Lunedì sera il consigliere comunale Stefano Revello ha protocollato in Comune una lettera che riguarda la presunta nomina come scrutatori ai seggi di parenti di politici in carica. Il fatto risalirebbe alle scorse  elezioni amministrative.

«Nella città di Villabate, la giunta ha dato le dimissioni per scandalo elettorale dovuto alla nomina come scrutatori di parenti di politici - fa sapere Roberto Tomat, portavoce della lista “Cossato in Comune" -. La legge della regione Sicilia lo considera un reato. Ebbene, anche a Cossato abbiamo avuto quella che in tutta Italia definiscono parentopoli ai seggi. La legge prevede inoltre  che gli scrutatori vengano nominati da una commissione, che all’epoca era composta dal sindaco Claudio Corradino e dai consiglieri comunali Piero Orlando Zambon, Annamaria Casagrande e Sergio Pelosi. Il consigliere Revello aveva segnalato a Sergio Pelosi sei nominativi di persone bisognose, ma non sono state considerate e hanno inserito il figlio del presidente del consiglio Franco Botta e la figlia dell’assessore al sociale Enrico Moggio, in carica al momento della nomina. Visto che tutto è passato in silenzio - conclude Roberto Tomat - a nostro avviso, questo è sintomo di degrado morale. Proponiamo dunque che la nomina degli scrutatori venga fatta tramite  sorteggio pubblico, anche perché 146 euro di compenso fanno comodo ad una persona disoccupata».

Il sindaco Claudio Corradino replica: «La legge dà la facoltà di mettere persone di fiducia. Non c'è assolutamente nessun marcio. Finalmente Roberto Revello dice una cosa intelligente, nel senso che le persone vanno cambiate spesso, senza discriminazione nei confronti dei figli di. Basta con l’ipocrisia».

Tags: stefano revello, roberto tomat, claudio corradino, cossato, parentopoli ai seggi

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia