Cavicchioli: «Forse Gentile e Pella speravano di nascondere il problema sotto al tappeto»

«"Sbianchettato" il sondaggio scomodo»

Quella presunta "velina" bianca sui dati più scomodi del sondaggio non è passata inosservata. Cavicchioli: "Forse è stata una sorpresa brutta per Dino Gentile e Roberto Pella, che hanno invitato l'onorevole Roberto Bertot al Museo del Territorio per prese

Stampa Home
Articolo pubblicato il 31-03-2014 alle ore 00:00:00.
sbianchettato-il-sondaggio-scomodo-560fa9ec606bb3.jpg
La pagina del dossier: in alto e in basso a sinistra si notanto due curiosi riquadri bianchi

Quella presunta "velina" bianca sui dati più scomodi del sondaggio non è passata inosservata.

Venerdì al Museo del Territorio si è tenuta la conferenza dell'europarlamentare Fabrizio Bertot, che ha presentato l'esito di alcune statistiche sulla fiducia dei biellesi nei confronti delle istituzioni, alla presenza del primo cittadino di Biella, Dino Gentile, e dell'assessore Roberto Pella. Curiosamente, quelli relativi alla fiducia dei cittadini di Biella nelle amministrazioni provinciali e comunale, erano "svaniti" dal dossier dell'eurodeputato.

Che sia successo perché si trattava di dati impietosi nei confronti, ad esempio, dell'attuale sindaco di centrodestra (di Forza Italia come lo stesso Bertot)?

Secondo il candidato di Biella in Comune, Marco Cavicchioli, sì, anche perché dall'analisi di quei numeri - comunque pubblicati su Eco di Biella - sarebbe emerso che oltre il 65 per cento del campione intervistato nel capoluogo dà "poca" o "nessuna" fiducia alla giunta targata Gentile.

"Che il 65,5% dei cittadini di Biella nutrano poca (37,7%) o nessuna (27,8%) fiducia nell'amministrazione della città - è il commento di Cavicchioli - non è una sorpresa: a Biella abito e lavoro, la conosco, parlo con le persone che ci vivono e non doveva arrivare un focus statistico commissionato da un europarlamentare di Forza Italia a spiegarmi che cinque anni di governo di centrodestra hanno minato nel profondo il rapporto tra il palazzo e i cittadini stessi".

Il candidato del centrosinistra alle prossime amministrative prova anche a dare una spiegazione.

"Forse è stata una sorpresa brutta per Dino Gentile e Roberto Pella - spiega -, che hanno invitato l'onorevole Roberto Bertot al Museo del Territorio per presentare i dati della sua indagine. Forse pensavano di non avere imprevisti. Invece li immagino a far sbianchettare in fretta e furia la sintesi del documento consegnata a chi era presente alla serata, nella pagina in cui si parlava del grado di fiducia degli intervistati nei confronti del Comune e di chi lo amministra. Sì, sbianchettare: una riga bianca a coprire le percentuali scomode e pensavano di aver nascosto sotto il tappeto il problema. Purtroppo per loro e per i loro tentativi da scolari che la maestra ha beccato senza compiti, il documento completo è finito comunque nelle mani dei biellesi, completo dei dati che avrebbero voluto tenere nascosti".

E allora per Cavicchioli il punto non è più quella percentuale negativa: "Ripeto - conclude -: non è una sorpresa per chi conosce Biella, ha visto come è stata amministrata e soprattutto ha, come la coalizione che mi accompagna, idee e volontà di fare meglio. Far finta che i guai non esistano, in questi mesi di equilibrismi, veti e favori incrociati pur di arrivare con il fiatone a fine legislatura, è stata una delle cifre della giunta di centrodestra, abilissima finché tutti sorridono e porgono mani da stringere. Molto meno quando ci sono problemi da risolvere o, come in questo caso, giudizi negativi da affrontare".

Tags: Marco Cavicchioli, Dino Gentile, sondaggio sbianchettato

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia