Il dirigente medico è morto ieri a soli 59 anni

Sanità in lutto per la morte di Giovanni Ara

Giovanni Ara, dirigente medico del Servizio Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento di Prevenzione dell’ASL BI, è scomparso ieri pomeriggio, domenica 13 luglio, a 59 anni, all’Ospedale torinese “S. Giovanni Bosco”.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 14-07-2014 alle ore 00:00:00.
sanita-in-lutto-per-la-morte-di-giovanni-ara-560fca68365e13.jpg
Il dottor Giovanni Ara

«Negli ultimi anni, Giovanni Ara era davvero felice e questa felicità era principalmente dovuta alla nascita della figlia Asia, avvenuta quasi tre anni fa, e al rapporto consolidato con la moglie Joy. Era un periodo in cui Giovanni era sereno, perché finalmente aveva una propria famiglia. Si stava anche preparando per affrontare in bicicletta lo Stelvio, la vita gli sorrideva».

Così Franco Piunti, Direttore Sanitario dell’ASL BI, ricorda Giovanni Ara, dirigente medico del Servizio Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento di Prevenzione dell’ASL BI, scomparso ieri pomeriggio, domenica 13 Luglio, a 59 anni, all’Ospedale torinese “S. Giovanni Bosco”, per le conseguenze di un trauma accidentale avvenuto qualche settimana fa, mentre era fuori Biella con la famiglia. I suoi organi sono stati donati.

«La memoria va al primo incontro, circa vent’anni fa, quando entrai in ASL come Direttore del Servizio Igiene e Sanità Pubblica -ricorda Piunti-; a quell’epoca, Ara era Direttore facente funzione, in sostituzione del Dottor Bottura, che era andato in pensione. Quando Giovanni mi vide arrivare, dopo due anni difficili proprio perché non trascurava alcun aspetto del proprio lavoro, sia nella sostanza sia nella forma, mi abbracciò e mi disse “Finalmente, sei arrivato”».

Giovanni Ara, in forze all’ASL BI dal 1984, era un professionista di grande competenza e serietà. Era referente regionale per il Registro Malattie Infettive, che ogni anno lui stesso elaborava e che permetteva l’analisi annuale dei rischi per la popolazione biellese. Sono conosciute a livello internazionale le indagini del medico biellese per evitare la diffusione di tubercolosi e meningite. Il suo interesse verso le malattie infettive lo portò negli anni Novanta a svolgere un’indagine fra gli studenti delle scuole superiori della provincia sul tema dell’AIDS e delle malattie a trasmissione sessuale, coinvolgendoli nella stesura di questionari per valutare le loro conoscenze in materia e richiedendo la loro collaborazione nell’evidenziare con domande specifiche le loro problematiche. Ne era scaturita una pubblicazione, in collaborazione con l’Organizzazione Mondiale della Sanità,  dal titolo “Il contatto fra due brufoli è contagioso?” che è stato uno dei primi esempi di manuale divulgativo sulla promozione della salute in tema di AIDS. L’ambulatorio per i viaggiatori, che lui stesso aveva voluto, era considerato tra i migliori a livello regionale: «Giovanni era appassionato al suo lavoro, si documentava quotidianamente ricercando a livello internazionale i nuovi focolai epidemici, anche per fornire ai viaggiatori tutte le indicazioni utili ad evitare qualunque contagio –continua Piunti-. Se in questi anni il Biellese è stato esente da grandi episodi epidemici e se i viaggiatori sono riusciti ad evitare contagi nelle diverse parti del mondo, il merito è di Giovanni Ara».

Così lo ricordano i colleghi del Dipartimento di Prevenzione dell’ASL BI: «Giovanni Ara è stato per oltre trent’anni una vera e propria istituzione del Dipartimento di Prevenzione: tutti noi lo ricordiamo nel suo ambulatorio della Medicina dei Viaggiatori, fiore all’occhiello del Servizio Igiene e Sanità Pubblica, sommerso dalle tante carte e pubblicazioni, umano, pronto alla battuta, intento a dispensare con rara professionalità, disponibilità, correttezza e competenza consigli medici, ma anche pratici, a tutti coloro che per questioni di lavoro o per turismo si recavano all’estero. Inoltre, la sua autorevolezza in materia di vaccinazioni e di malattie infettive era riconosciuta da tutti i colleghi sia a livello della nostra ASL sia a livello regionale, dove era componente del “gruppo tecnico vaccini”. Giovanni era sposato con una dolcissima ragazza tailandese ed aveva una stupenda bambina di quasi tre anni che era la luce dei suoi occhi; oltre che per loro anche per tutti i colleghi, la sua assenza lascerà un vuoto incolmabile».

L’impegno dell’ASL BI nel dare senso alla vita e al lavoro di Ara è sicuramente quello di stare accanto alla famiglia e di continuare a garantire l’eccellenza del servizio nel controllo delle malattie infettive, tramite l’impegno dei suoi colleghi.

Tutta l’Azienda Sanitaria Locale di Biella si stringe attorno ai famigliari del Dottor Ara, ricordandolo per la sua dedizione al lavoro e per il grande contributo professionale che ha dato alla sanità piemontese.

Tags: giovanni ara, asl bi, biella

Articoli dello Stesso Argomento

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia