Grande mobilitazione dopo la denuncia del nostro giornale

SALVIAMO LA BURCINA

Stampa Home
Articolo pubblicato il 14-09-2013 alle ore 08:50:24.
salviamo-la-burcina-560fa2a2c87733.jpg
Un'immagine del degrado della Burcina

“Salviamo la Burcina”. E’ questo il grido che si leva da più parti dopo la nostra denuncia sullo stato di grave incuria del parco. La voce che si alza più forte è quella del presidente della Fondazione Cassa di Risparmio, Luigi Squillario.   «Non è possibile - dice - mandare in malora un patrimonio così bello. E’  necessario fare qualcosa al più presto. Come Fondazione  siamo disposti ad impegnarci, ma voglio vedere con i due sindaci (Biella e Pollone) come si possa intervenire tutti insieme, anche con le associazioni.
«Il Comune di Biella - prosegue Squillario - è il proprietario e come tale deve comportarsi di fronte al rischio di perdere una simile ricchezza. Inventiamoci qualcosa. E’ finito il tempo in cui si aspettava che le cose cadessero dall’alto».

Sulla questione interviene anche Il presidente di Ascom, Mario Novaretti, uno che di floricoltura se ne intende. «Mancano i soldi? - dice -  allora affidiamoci ai volontari. Si potrebbero coinvolgere - assicurandoli per le ore in cui sono impegnati - i ragazzi che studiano agraria e i giovani, ovviamente sotto la supervisione di persone competenti. Magari con sponsor che mettano a disposizione i mezzi. Si tratta di tanti piccoli lavori di manutenzione ordinaria che molti sono in grado di fare».

 «Il parco e le poche persone che ancora ci lavorano - spiega Guido Piacenza, uno che la Burcina la conosce come le proprie tasche e che fa tuttora parte del comitato scientifico - sono abbandonati. Non c’è quasi più nessuno e l’attuale direttore, dovendosi occupare anche di altre aree, da quanto mi risulta non c’è quasi mai. Organizzando le poche persone rimaste, qualcosa si può fare, ma ci vuole una programmazione tecnica annuale, bisogna decidere dove intervenire subito e cosa è possibile rimandare. Personalmente continuo a controllare il centinaio di piante che ho piantato. Perché se muoiono i “giovani”, allora è davvero finita...».

L'inchiesta completa è pubblicata sulla Provincia di Biella in edicola oggi.

 

Tags: Matteo Floris, Burcina

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia