"Quella volta che Checco a Biella..."

Andrea Guasco racconta un aneddoto del 2006, quando Zalone venne in città per la Notte bianca

Stampa Home
Articolo pubblicato il 05-01-2016 alle ore 09:06:23.
La pubblicità della Notte bianca pubblicata all'epoca su un giornale locale. Sulla destra, Checco Zalone con qualche capello in più
La pubblicità della Notte bianca pubblicata all'epoca su un giornale locale. Sulla destra, Checco Zalone con qualche capello in più

Oggi sbanca i botteghini con i suoi film, nel 2006 era un comico emergente ed è proprio in quel periodo che venne a Biella per uno spettacolo. A raccontare un simpatico aneddoto sulla serata trascorsa in città da Checco Zalone è Andrea Guasco, presentatore dell'evento organizzato da IEB Comunicazione con la collaborazione di AFG Promotion.

"Nel 2006 - ha ricordato su Facebook - presentai la prima edizione de 'La notte Bianca' a Biella. Ospiti centrali della serata erano alcuni comici di Zelig: Paniate e Santonastaso, Alessandro Politii, Katia e Valeria e Luca Medici. Quello che ora tutti conoscono come Checco Zalone. Cantò "Siamo una squadra fortissimi" che bene avrebbe portato all'Italia mondiale dove si stava facendo onore Alberto Gilardino. Con 'Grande Mago' e 'Checco', a fine serata andammo al locale allora in voga, l'Acqua 13 di Andrea Venier, dove il mio amico Marco Mini faceva il dj".

Ed è proprio in questo contesto che viene fuori l'indole di Checco Zalone: "Non mi colpì molto sul palco il buon Medici - continua il post di Guasco -, ma invece lo fece nel locale. O meglio alla sua uscita. Tornando a piedi da via Serralunga verso piazza del Sociale, alcuni soliti noti si stavano spintonando in un preludio di rissa. La cosa mi imbarazzò: i comici erano miei ospiti e da buon padrone di casa ci tenevo che la città di Biella facesse bella figura. Checco mi guardò, mi spinse e imitando la voce di uno dei protagonisti della pessima situazione disse urlando: 'Tu alla mia ragazza ce la devi lasciare stare! Altrimenti chiamo mio cugino Mecco che ti mette il petardo in piazza e ti rovina la Notte Bianca!!'. La battuta stemperò il mio imbarazzo e fece tacere i tre del litigio. Non so se Checco sia un grande comico, ma sicuramente in quel momento dimostrò di avere le antenne giuste per cogliere il momento e girarlo in farsa. E' questo il segreto di Checco Zalone. Sa cogliere il momento e girarlo in farsa mettendo a nudo le nostre pochezze umane e i nostri limiti italiani. Come il buon Sordi. E qui gli faccio un gran complimento e in ricordo di quella serata gli auguro tutto il successo del mondo".

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia