Ala Sinistra di Roberto Pietrobon

Quegli incendiari sono dei veri criminali

Da un paio di giorni le nostre teste sono sorvolate da aerei ed elicotteri che, faticosamente, cercano di domare gli incendi che stanno mangiando ettari ed ettari dei nostri alpeggi.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 14-01-2015 alle ore 00:00:00.
quegli-incendiari-sono-dei-veri-criminali-560fdfc11b4f83.jpg
Quegli incendiari sono dei veri criminali

Da un paio di giorni le nostre teste sono sorvolate da aerei ed elicotteri che, faticosamente, cercano di domare gli incendi che stanno mangiando ettari ed ettari dei nostri alpeggi. Anche se non vi sono ancora responsabili e informazioni certe è molto probabile che il fuoco che sta violentando le nostre vallate abbia una origine dolosa e che quindi stia avvenendo per mano dell’uomo. 

Qualcuno sostiene che dietro a queste pratiche vi sia una ragione anche economica e, in molte parti d’Italia, il business fiorente dell’emergenza incendi ha rilevato scandali e il solito malaffare italico. Nel Biellese in alcuni casi, probabilmente, assistiamo a operazioni di “bonifica” degli alpeggi che scappano di mano agli stessi  “incendiari”.

Magari anche nel tentativo di accedere a qualche rimborso assicurativo successivo. La ricerca dei responsabili è poi infruttuosa e, quindi, si avanzano solamente supposizioni o, peggio, illazioni. Il tema vero però è il totale disinteresse per la natura che ci circonda da parte di chi commette questi crimini. Crimini gravi perché commessi contro la natura, contro il bello, contro la terra che ci accoglie e ci sostenta.

Non si può derubricare a un gesto di stupidità o di ignoranza perché cadremmo nel vizio (tanto in voga in questo paese) della giustificazione, della comprensione, della bonaria raccomandazione. Chi appicca un incendio commette un crimine contro la natura quindi contro tutti gli esseri viventi, è chiaro infatti che uccidendo la natura si compromette la sopravvivenza anche di coloro che la abitano.

Plaudo a chi in questi giorni si sta dedicando, anima e corpo, a spegnere gli incendi sulle nostre vallate, vorrei che gli fosse riconosciuto il giusto merito, al pari di un intervento in una zona alluvionata o del salvataggio di un micetto sull’albero. Mi piacerebbe anche che le nostre forze di polizia avessero la giusta tenacia (e magari anche le risorse) per individuare i responsabili di questi atti criminali che nella quasi totalità, invece, rimangono impuniti.

E’ una questione di scelte e di priorità molte volte, la stesse che dovrebbero dimostrare le istituzioni che, oltre a pubblicizzare gli #innamoratidelbiellese  dovrebbero stigmatizzare  e combattere con la giusta forza anche chi #odiailbiellese, la sua natura, il suo ecosistema, le sue bellezze e le sue fragilità accendendo incendi e bruciandoci il futuro.

Roberto Pietrobon

www.alasinistra.org

Tags: ala sinistra, Roberto Pietrobon

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 09-12-2017
Lo sfogo di un lettore : Riportiamo integralmente la protesta di un nostro lettore amareggiato e preoccupato per gli episodi di vandalismo che ripetutamente avvengono nel suo quartiere.
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 19-03-2017
Sono giorni che le cronache raccontano della recente visita del capo della Lega a Napoli e del corteo che ha attraversato la città con una coda...
Post Del 28-12-2016
Lele Ghisio Quanto siamo buoni in vista dell’imminente Natale (che sì, per alcuni è anche minaccia imminente nel campo delle emozioni e del traffico...

Rubriche della provincia