L'editoriale di Giuliano Ramella

Quadrante, ritorno al passato

Il Quadrante è quella cosa che mette insieme le province di Biella, Vercelli, Novara e VCO e affida a Novara il ruolo di capoluogo con presumibile concentrazione sotto la cupola di San Gaudenzio degli “uffici” e delle burocrazie.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 31-07-2014 alle ore 00:00:00.
quadrante-ritorno-al-passato-560fcc390e0953.jpg
Giuliano Ramella

Il Quadrante è quella cosa che mette insieme le province di Biella, Vercelli, Novara e VCO e affida a Novara il ruolo di capoluogo con presumibile concentrazione sotto la cupola di San Gaudenzio degli “uffici” e delle burocrazie.  Ne parlano i sindaci che s'incontrano ma non si scontrano, le Camere di Commercio in fase di smobilitazione, le ATL (Aziende Turistiche Locali) in cerca di ruolo e funzioni (oltre che di soldi), le ATC (Agenzie territoriali della casa) riformande in Piemonte da otto a tre.  E tutti quelli che ne parlano a Biella, ad eccezione di Gianluca Susta e Roberto Simonetti, ne hanno sparlato e fatto piazzate fino a quando, nell'ottobre del 2012, non sono riusciti a sostituire il Quadrante, approvato dal CAL (Consiglio Autonomie Locali) del Piemonte, con la provincia “bipolare” Biella-Vercelli nella proposta di riordino delle province piemontesi inoltrata al Governo dalla Regione Piemonte. 

Il 31 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha varato il decreto di riordino delle province italiane, facendo nascere anche la Biella-Vercelli.  Il decreto però non è stato convertito in legge e siamo rimasti, come si dice da queste parti, "pero me chi ero".   In questa vacatio le sigle ostrogote si rimettono a danzare un vorticoso rigodone, con danzatori senza storia o senza memoria.

Il Quadrante è quella cosa che, esattamente uguale a quella che si va inquadrando, è già esistita fra il 1859 e il 1927.  Nel 1859 l'antica Provincia di Biella, nata il 18 febbraio del 1622 per decisione di Carlo Emanuele I di Savoia, venne ridotta a Circondario aggregato alla Provincia di Novara, la stessa che dieci anni prima aveva visto la disfatta dell'esercito piemontese nella prima guerra d'indipendenza e l'abdicazione di Carlo Alberto di Savoia, diventando la carducciana "fatal Novara".

Nel 1927 Mussolini scorporò dal Quadrante i Circondari di Biella, Vercelli e Varallo e assegnò a Vercelli il ruolo di capoluogo della nuova Provincia dopo che, secondo una leggenda dell'epoca, Biella e i biellesi avevano respinto la promozione per non avere in casa gli uffici statali. Mussolini avrebbe allora giustificato la scelta di Vercelli con le 60 medaglie d'oro al valor militare conquistate dai cittadini vercellesi nelle guerre d'indipendenza e nella grande guerra.

Nel 1992 Andreotti sottrasse a Vercelli la Provincia di Biella e a Novara il VCO.

Adesso si torna tutti insieme appassionatamente, ed è un ritorno al passato, ad un già visto e vissuto. E se il passato ritorna, a chi toccherà stavolta la "fatal Novara"?

giulianoramella@tiscali.it

Tags: Giuliano Ramella, editoriale, La Nuova Provincia di Biella, Quadrante

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia