I quattro giunti lunedì sono già andati via ma martedì altri dieci hanno raggiunto Biella

Profughi, gli arrivi diventano quotidiani

Se la situazione nel Mediterraneo continuerà a rimanere quella di questi giorni con migliaia e migliaia di profughi che tentano di raggiungere l’Italia, il numero dei rifugiati che raggiungerà il Biellese è destinato ad aumentare velocemente

Stampa Home
Articolo pubblicato il 11-06-2015 alle ore 00:00:00.
profughi-gli-arrivi-diventano-quotidiani-560feea3611743.jpg
Foto di repertorio

Se la situazione nel Mediterraneo continuerà a rimanere quella di questi giorni con migliaia e migliaia di profughi che tentano di raggiungere l’Italia, il numero dei rifugiati che raggiungerà il Biellese è destinato ad aumentare velocemente, superando di gran lunga la quota massima di 80 persone contenuta negli accordi tra Regione Piemonte e Provincie. Per quanto riguarda questi ultimi giorni infatti, lunedì sono arrivati quattro profughi che però sono rimasti in zona poche ore. Il tempo di riposarsi e poi sono spariti, quasi certamente con destinazione i Paesi nordici dove esistono grandi comunità di persone d’origine africana.

I quattro che sono svaniti nel nulla sono stati immediatamente "rimpiazzati" nella giornata di martedì da un altro gruppo di dieci che, al momento, è ancora presente.

Quattro o dieci, sono ancora numeri esigui: se, come detto, la situazione nel Mediterraneo non migliorerà, e se le Regioni presiedute dal centrodestra (Liguria, Lombardia e Veneto) continueranno il boicottaggio è certo che il Biellese sarà a destinato a ospitarne di ulteriori.

A livello locale, sulla questione profughi c’è da segnalare l’interrogazione presentata dal consigliere comuale Giacomo Moscarola. Preso atto che la struttura di Chiavazza che ospita i profughi è stata concessa per 60 giorni in comodato gratuito, l’esponente  leghista chiede all’amministrazione comunale «se allo scadere del sessantesimo giorno del comodato d’uso gratuito siglato con la prefettura, sia intenzione di questa amministrazione, stipulare un regolare contratto  con l’ente che gestisce gli immigrati presenti nello stabile di Chiavazza, naturalmente a questo punto, non più gratuitamente ma con un contratto di locazione dell’importo che potrà essere stimato dai tecnici in base alla struttura pubblica messa a disposizione».

Ovviamente il tutto rientra nella lotta intrapresa dalla Lega nord contro la politica di accoglienza decisa in questo campo dal governo nazionale di centrosinistra.

Tags: profughi, richiedenti asilo, biella, biellese

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

  • Fabbriche aperte nel Biellese

    05-10-2017
    Affermare l’immagine del Piemonte come luogo della manifattura intelligente, dell’innovazione industriale e del saper fare è l’obiettivo...
  • Sabato via Italia si tinge di rosa

    05-10-2017
    Grazie all’impegno dell’amministrazione comunale, della Proloco di Biella, di Ascom e Confesercenti sabato 7 ottobre via Italia, sarà...
  • Oggi comincia la grande festa del Rione Riva

    05-10-2017
    Il prossimo fine settimana il rione Riva sarà in festa con una serie di appuntamenti per celebrare il patrono San Cassiano. Gli eventi sono organizzati...

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 13-09-2017
Sorpreso in auto con droga, non aveva patente, assicurazione e revisione 3 Sorpreso alla guida di un'autovettura in possesso di un piccolo quantitativo di droga, a seguito degli accertamenti da parte degli agenti della Questura...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 19-03-2017
Sono giorni che le cronache raccontano della recente visita del capo della Lega a Napoli e del corteo che ha attraversato la città con una coda...
Post Del 28-12-2016
Lele Ghisio Quanto siamo buoni in vista dell’imminente Natale (che sì, per alcuni è anche minaccia imminente nel campo delle emozioni e del traffico...

Rubriche della provincia