La ricorrenza quest'anno è all'insegna della crisi economica

Primo maggio con 22mila disoccupati

Ben 22mila iscritti alle liste di collocamento, 3500 lavoratori in cassa integrazione. Sono decisamente preoccupanti i dati sull’occupazione biellese che caratterizzano questo Primo maggio 2014. «La festa dei lavoratori - spiega Marvi Massazza Gal, segret

Stampa Home
Articolo pubblicato il 01-05-2014 alle ore 00:00:00.
primo-maggio-con-22mila-disoccupati-560fabe36166a3.jpg
Primo maggio con 22mila disoccupati

Ben 22mila iscritti alle liste di collocamento, 3500 lavoratori in cassa integrazione. Sono decisamente preoccupanti i dati sull’occupazione biellese che caratterizzano questo Primo maggio 2014.

«La festa dei lavoratori - spiega Marvi Massazza Gal, segretario provinciale della Camera del lavoro di Biella - quest’anno sarà all’insegna del lavoro che manca. Per questo lo slogan della manifestazione del 2014 è “Il cuore del paese è il lavoro».

I dati che verranno diffusi stamattina dai sindacati evidenziano come ci sia una ripresa delle esportazioni, che però non è sufficiente: «Nel nostro paese e nel Biellese - spiega Marvi Massazza -  siamo ancora in una situazione molto delicata per quanto riguarda il lavoro. La ripresa non c’è ancora, il tema del lavoro deve essere la priorità, e noi continuiamo ad avere nel Biellese migliaia lavoratori in cerca di un’occupazione».

Dunque la festa del primo maggio quest’anno sarà una vera e propria festa del lavoro: «Una celebrazione da condividere con chi un lavoro ce l’ha, ma soprattutto per  dare un lavoro a chi non ce l’ha - sostiene Marvi Massazza -  tra meno di un mese saremo chiamati alle ellezioni europee: serve una politica italiana per difendere il lavoro e per darlo a chi attualmente è disoccupato. Riteniamo sia fondamentale che la politica europea cambi. Non può più essere una politica di rigore, ma deve essere di crescita. In Europa 25milioni di disoccupati e così non si può più andare avanti».

Il disoccupato tipo, nel Biellese, ha le sembianze di una donna di media età, una ex lavoratrice di sesso femminile che ha già compiuto i 40 anni. «Anche se  - prosegue la sindacalista - la disoccupazione colpisce tutte le fasce d’età ed entrambi i sessi. E la crisi non riguarda più solo il tessile, ma ormai si è estesa in tutti i settori: «E’ trasversale - spiega -  tocca tutti: tessile, ovviamente, ma anche commercio, cooperative sociali, edilizia molto colpita».

La preoccupazione, da parte delle organizzazioni sindacali è grande: «Stanno finendo ammortizzatori sociali. Abbiamo bisogno il governo stanzi risorse sugli ammortizzatori in deroga altrimenti aumenteranno i licenziamenti».

Tags: primo maggio, disoccupati, lavoro, biella, sindacati

Articoli dello Stesso Argomento

Attualità

  • Entra in comune e insulta il sindaco

    23-06-2017
    L'ordinanza di eseguire lavori di manutenzione nella sua proprietà, proprio non gli è piaciuta e con quel foglio si è recato in comune...
  • Oggi caldo record

    23-06-2017
    Temperature tra i 25 e 30 gradi nel Biellese oggi. Ma tutto il Piemonte sta bollenod: 36 la ssima fatta segnare a Villanova Solaro in provincia di Cuneo,...
  • Ci attendono i tre giorni più caldi dell'estate

    22-06-2017
    L’anticiclone africano che ci accompagna quasi ininterrottamente da un mese, prepara la sua fiammata finale. Ci attendono le tre giornate più...

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 19-03-2017
Sono giorni che le cronache raccontano della recente visita del capo della Lega a Napoli e del corteo che ha attraversato la città con una coda...
Post Del 28-12-2016
Lele Ghisio Quanto siamo buoni in vista dell’imminente Natale (che sì, per alcuni è anche minaccia imminente nel campo delle emozioni e del traffico...

Rubriche della provincia