La Paga del sabato di Giuliano Ramella

Per Expo mobilitiamo la Madonna d'Oropa

Di miracoli in carriera ne ha fatti molti, come testimoniano gli ex voto esposti alla devozione popolare.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 21-02-2015 alle ore 00:00:00.
per-expo-mobilitiamo-la-madonna-doropa-560fe4c83a1f73.jpg
Giuliano Ramella

Di miracoli in carriera ne ha fatti molti, come testimoniano gli ex voto esposti alla devozione popolare.  Tre sono autenticati da regolari processi canonici e tre lapidi in marmo con scritte in latino sul fianco sinistro del Sacello lo attestano: nel 1661 Giovanni Sà da Chambery, muto perchè privato della “lingua tagliatagli per crudeltà da alcuni predoni fino alla radice svariati anni prima”, supplicò la Vergine Santissima e  riottenne miracolosamente sia la parola che la lingua (“...lingua hic momento recepit...”).  Anche Giovanni Battista Perrone ebbe la lingua mozzata dai turchi che nel 1718 l'avevano fatto prigioniero: qualche anno dopo venne ad Oropa ad implorare la grazia.  E “nell'istante in cui monsignor Gattinara vescovo di Alessandria adagiò sul capo della Vergine il nuovo diadema, si sentì crescere la lingua e recuperare la parola.”

Nel 1672 "Giacomo Vallet di Champorcher della diocesi di Aosta sofferente di convulsioni in tutto il corpo, privato delle capacità naturali, per diciotto anni giacque immobile in una stalla.  Implorando la Vergine di Oropa, in un attimo fu restituito alla salute".  Ma la specialità della nostra amata Madonna Nera fu la peste da cui in varie occasioni, mentre altrove infuriava, preservò Biella e diverse comunità del Biellese e del Vercellese che, da allora, si recano annualmente in processione ad Oropa.  Accadde nel 1522, poi ancora nel 1599 (anno in cui Biella registrò 460 morti di peste su una popolazione di 6.000), e nel 1630, l'anno della pestilenza descritta da Manzoni ne "I promessi sposi".

Iperattiva comunque, al punto che nel 1856 monsignor Losana, il fondatore della Cassa di Risparmio di Biella, uno che di contabilità e numeri la sapeva lunga, inviò alla Santa Sede un "Sommario di Miracoli" compiuti dalla Vergine d'Oropa: sono 560, elencati con precisione ragionieristica; si va dai 73 salvati "da cadute precipitose", ai 58 "da naufragio", ai 48 "da malattie dichiarate mortali", ai 14 "muti e senza lingua che hanno recuperato la parola", in un campionario di sfighe, spesso purulente com'era di moda all'epoca, da cui risulta che non ci siamo fatti mancare nulla.

Con un simile palmares, è troppo chiedere alla nostra venerata e da tempo inattiva Madonna, personaggio più noto e amato perfino di Giletti, Greggio e Pistoletto (che continua a menarcela col Terzo Paradiso da cui ci guadagna solo lui), un miracolino da spendere per Expo 2015?  In varie località d'Italia, centrosud, diverse colleghe hanno ripreso o principiato a buttar lacrime e sangue.   Perfino Tsipras, forse per intercessione del nostro Roberto Pietrobon, ha ottenuto (in attesa del miracolo di Madonna Merkel) che il Cristo del santuario di San Nicola ad Asprokambos, a Corinto, piangesse di gioia per la sua vittoria.
Noi abbiamo la Madonna dei Miracoli più vicina a Milano, abbiamo il più alto numero di vittime, 25.000, della più grave pestilenza economica degli ultimi due secoli: un miracolino, via!, tanto per offrire ai cinesi qualcosa di diverso dal cashmere che ci hanno venduto loro.  E se noi biellesi, ormai figli di un dio minore, dobbiamo rassegnarci ad esserlo anche di una madonna minore, che Nostra Signora di Oropa, esperta nel ridar lingua e voce ai mutilati, almeno la tolga temporaneamente agli spacciatori di puttanate che in convegni e sui giornali illustrano le piramidali cazzate con cui intendono far sapere alle folle planetarie che esistiamo, ed attrarle.  Al suo buon cuore.   
Tags: paga del sabato, Giuliano Ramella, expo, madonna d`oropa

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia