Oculistica, visite anche alla Vialarda

L’Asl ha siglato un accordo con la struttura privata che a partire già da quest’anno effettuerà 4mila visite e prestazioni di elettromiografia

Stampa Home
Articolo pubblicato il 18-10-2015 alle ore 11:32:28.
Oculistica, visite anche alla Vialarda 3
Il provvedimento è stato deciso per venire incontro alle esigenze degli utenti

Basta liste d’attesa di mesi per una visita oculistica, il reparto che da sempre ne detiene il triste primato (anche oltre l’anno). Nell’ambito delle azioni intraprese proprio per migliorare i servizi offerti alla popolazione, l’Azienda Sanitaria Locale ha siglato nei giorni scorsi un contratto con il Policlinico di Monza, proprietario della Clinica “La Vialarda” di Biella.

La firma prevede che “La Vialarda” già a partire dal 2015 esegua un minimo di 4mila visite oculistiche in un anno, oltre a prestazioni di elettromiografia. Questa decisione rientra nella strategia dell’Azienda sanitaria di abbattimento dei tempi di attesa per l’accesso ad alcune prestazioni specialistiche, in particolar modo proprio per le visite di Oculistica.

Il contratto in questione è stato stipulato nell’ambito della dotazione finanziaria autorizzata dalla Regione Piemonte con delibera n. 13-2022/15 per l’esecuzione di prestazioni ambulatoriali ulteriori rispetto alle specialità accreditate erogate da “La Vialarda”.

In tale ottica è stato rinnovato anche il contratto per l’erogazione di prestazioni radiologiche a favore dei pazienti biellesi presso la suddetta clinica.

Sempre nell’ambito dell’accordo siglato, è prevista l’attivazione presso “La Vialarda” di un apposito nucleo per pazienti in stato vegetativo, che potrà ospitare sino a dieci persone. Questo nucleo risulta strategico per accogliere nella città di Biella pazienti biellesi che attualmente sono ospitati presso strutture di altri ambiti territoriali, anche molto distanti dal capoluogo cittadino.

Gianni Bonelli, Direttore Generale dell’ASL di Biella, commenta: «Già durante la Conferenza dei Sindaci delle scorse settimane avevo annunciato di essere alla ricerca di soluzioni per ridurre i tempi di attesa, che per alcune prestazioni specialistiche superano di gran lunga i parametri regionali. Grazie alla collaborazione con il Policlinico di Monza verrà data una prima importante risposta alle criticità relative alle visite oculistiche, che potranno essere erogate a breve nel rispetto dei tempi di attesa regionali. Inoltre, si è ritenuto essenziale disporre nell’ambito cittadino di una struttura destinata ad accogliere pazienti biellesi in stato vegetativo che attualmente sono ospitati in altre realtà, tutte collocate fuori dalla provincia di Biella».

«Questa soluzione - è la conclusione - consentirà anche ai parenti di avvicinarsi al proprio famigliare. Ritengo, pertanto, che la firma di questo contratto sia un buon esempio di integrazione tra pubblico e privato».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia