La Paga del sabato di Giuliano Ramella

Nuovo ospedale, un colpo mortale alla città

Dopo tante chiacchiere, consultazioni, referendum e istanze apologetiche, qualche giorno fa ho appreso che il nuovo ospedale si chiamerà "Ospedale degli Infermi", come il vecchio, ma con l'aggiunta del sorprendente e innovativo aggettivo qualificativo "bi

Stampa Home
Articolo pubblicato il 08-11-2014 alle ore 00:00:00.
nuovo-ospedale-un-colpo-mortale-alla-citta-560fda90b00123.jpg
Giuliano Ramella
Qualche giorno fa ho incontrato casualmente uno dei cinque che si sono sfidati alle primarie di primavera del PD biellese per la candidatura a sindaco di Biella nelle elezioni del giugno.  "Novità ?" gli ho chiesto, approccio generico e banale per riallacciare un dialogo avviato quando il personaggio, insieme agli altri quattro, esponeva gagliardamente ciò che, vincendo, la sua parte politica avrebbe fatto in e per la città.  "Nessuna novità" mi ha risposto, vagamente compiaciuto forse al pensiero del detto "Nessuna nuova, buone nuove".

Dopo tante chiacchiere, consultazioni, referendum e istanze apologetiche, qualche giorno fa ho appreso che il nuovo ospedale si chiamerà "Ospedale degli Infermi", come il vecchio, ma con l'aggiunta del sorprendente e innovativo aggettivo qualificativo "bis".   Il vecchio, che a questo punto per distinguerlo dal "bis" dovremo chiamare "basta" (cfr Dizionario dei Sinonimi e dei Contrari), inizia la propria agonia destinata ad accentuare fino al decesso quella del centro cittadino. Non sono bastati oltre quarant'anni fra progettazione e costruzione del "bis", per stabilire che cosa si sarebbe fatto del "basta".  Nessuno ha capito (o, se l'ha capito, ha scelto di fare il pesce in barile) che lo svuotamento del monoblocco, la cancellazione delle migliaia di persone che quotidianamente lo frequentavano, avrebbe inferto un colpo mortale alla città.

Qualcuno si è fatto delle costose pippe con concorsi d'idee e progetti irrealizzabili, e morta lì.  Adesso vola qualche straccio verdastro sulla possibilità che una millesima parte del complesso venga destinata all'ospitalità dei migranti.  L'amministrazione comunale boccheggia, balbetta, conferma progetti e programmi del "nemico" che ha battuto, cazzeggia sui social network dove non se la fila nessuno; il consiglio comunale non si riunisce e quando lo fa, come nei prossimi giorni, è per sfangarsi dalle interpellanze e interrogazioni di un'opposizione che, ancorchè ridotta al lumicino, giganteggia beffarda.
Anche qui, sempre più spesso, si ha la sensazione di avere di fronte una specie di "bis" che rischia di far rimpiangere il "basta" di prima e, come il presidio sanitario scaraventato a Ponderano, inguaia la città che gli ha dato fiducia e gli ha affidato  speranze.  "Nessuna novità ?".  Esatto.

Giuliano Ramella

La Paga del sabato viene pubblicata ogni sabato sulla Nuova Provincia di Biella.

Tags: la paga del sabato, Giuliano Ramella, nuovo ospedale

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia