La paga del sabato

Non serve una Tav biellese

Stampa Home
Articolo pubblicato il 09-08-2013 alle ore 19:39:58.
non-serve-una-tav-biellese-560fa1f8c40fc3.jpg
Non serve una Tav biellese

Poi dice che ad agosto non succede niente.  Da noi invece si, anzi no, mah!  Per esempio, l'aeroporto di Cerrione che sembrava morto e sepolto viene descritto in questi giorni in procinto di diventare una Malpensa-bis, destinato nel 2015, durante l'Expo, ad accogliere i velivoli di basso tonnellaggio che non ce la faranno ad atterrare nell'intasato scalo milanese.  Buon per lui, cioè l'aeroporto, e speriamo anche per il territorio biellese se i nostri eroi dell'ATL,  convocati in Regione il 20 agosto per negoziare la presenza biellese nel progetto di rappresentazione del Piemonte all'Expo, riusciranno a portare a casa qualche risultato.  Siamo in ritardo, e il clima è avvelenato e nervoso, specie nei paraggi della Camera di Commercio che dovrebbe essere il motore e il principale attore della presenza biellese ad Expo 2015.  Comunque, auguri.
Altre ferali notizie di questo tranquillo agosto biellese di paura riguardano i mitici collegamenti stradali (pedemontana, peduncolo, autostrada, così è se vi pare) che dovrebbero trarre il Biellese dall'isolamento ed avviarlo verso una luminosa era rinascimentale di business e turismo.  Il progetto dell'autostrada, una robetta da 824 milioni di euro per collegare Santhià a Ghemme, è stato rinviato ahi ahi, mentre c'è chi dubita della sua utilità.  L'ha fatto di recente il pagato consulente torinese del turismo biellese, ricordandoci che la gente a Cortina ci va da un pezzo anche se le strade fanno schifo.  Grazie, ma questo giornale lo va sostenendo gratis da anni, aggiungendo che prima di fare strade, aviodromi, e tav che velocizzino l'arrivo nel Biellese, occorre creare condizioni ed occasioni per evitare che il turista (perché da noi si verrà prevalentemente per turismo) rimpianga la lentezza dei collegamenti primitivi che almeno riducevano il tempo e la noia della presenza nei nostri lidi.  Queste banalità, pronunciate da un consulente foresto e soprattutto ben pagato, hanno però una sonorità assai più convincente alle orecchie della nostra classe dirigente.  
E poi dice che ad agosto non succede niente, e che noi non siamo provinciali.

Tags: Giuliano Ramella

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia