Scrive una lettrice

«No al pirogassificatore di Andorno»

Stampa Home
Articolo pubblicato il 12-02-2014 alle ore 10:13:21.
no-al-pirogassificatore-di-andorno-560fa5e84f3c03.jpg
Un imoianto pirogassificatore

In Valle Cervo si sono schierati contro il pirogassificatore (inceneritore) che dovrebbe sorgere all’inizio del paese di Andorno negli ex stabilimenti Tessiana, tra le case! La motivazione è chiara: un sospetto pericolo di formazione di prodotti tossici da pirolisi. Pur non essendoci OGGI  "prove certe" di tossicità, è ragionevole supporre che ve ne saranno DOMANI quando il danno sarà ormai palese.  Nel dubbio (che poi non è piccolo), non è intelligente rischiare. Piangere a “babbo morto” non è più ammissibile dopo i molteplici esempi di avvelenamento ambientale con i rischi per la popolazione. Ci si dovrebbe chiedere coma mai medici ed oncologi della valle d’Aosta hanno preso posizione. Perché si paventa l’insorgenza di patologie cancerogene con percentuali abbastanza alte.

Quello che è certo che, (fonte Ing. P. De Stefanis - ENEA),  un pirogassificatore presenta una maggiore complessità costruttiva, una minore affidabilità e sicurezza e maggiori rischi nella realizzazione e nella gestione. In particolare la debolezza sta nelle scorie che devono essere vetrificate e smaltite in discarica per inerti.

(Le ceneri leggere costituiscono un rifiuto pericoloso e non smaltibile in loco. Se si decidesse di realizzare cogenerazione con motori, sarebbe necessario “lavare” il syngas. Questo processo produrrebbe classificati anch'essi come rifiuti pericolosi.) Esiste poi il rischio che, per risparmiare sul costoso processo di purificazione, il syngas venga bruciato direttamente in caldaia, per produrre vapore con cui far andare, in modo indiretto, delle turbine. In questo caso le criticità per la gestione dei filtri, a causa delle sostanze altamente nocive presenti nel syngas non purificato, sarebbero altissime per la salute dei cittadini.

Non ultimo punto di criticità riguarda i filtri: non essendoci in zona discariche per rifiuti pericolosi,  il destino dei filtri del pirogassificatore saranno discariche dedicate allo smaltimento di questo tipo di rifiuti e la necessità di smaltire i filtri all’estero introduce ovviamente molti elementi di fragilità nella gestione dell’impianto, quali elevati costi di trasporto e dipendenza dalla disponibilità di ditte di smaltimento ad accettare le scorie.

Quello che stupisce è la presa di posizione a favore della installazione dell’impianto della Comunità Montana che dovrebbe preoccuparsi, non solo sulla carta, di tutelare la salute di una Valle intera, già con noti problemi di radom! Ci si potrebbe chiedere perché una posizione tanto netta … Forse le risposte stanno nella storia…

 Deanna Gatta

(cittadina andornese)

Tags: Redazione, Andorno

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia