E’ stato un improvviso malore a stroncare, a soli 44 anni, Stefano Brasi, residente a Pavignano

«Mio figlio mi è morto tra le braccia»

E’ stato un arresto cardiaco ad uccidere Stefano Brasi, 44 anni, nato e cresciuto nel quartiere Pavignano di Biella. Un improvviso malore e non un abuso di sonniferi. L’ipotesi del suicidio circolata a poche ore dalla sua morte si è infatti ben presto riv

Stampa Home
Articolo pubblicato il 18-06-2014 alle ore 00:00:00.
mio-figlio-mi-e-morto-tra-le-braccia-560fc8d3e6c343.jpg
Stefano Brasi

E’ stato un arresto cardiaco ad uccidere Stefano Brasi, 44 anni, nato e cresciuto nel quartiere Pavignano di Biella.

Un improvviso malore e non un abuso di sonniferi. L’ipotesi del suicidio circolata a poche ore dalla sua morte si è infatti ben presto rivelata del tutto priva di fondamento. Stefano Brasi è morto a causa di un male che stava curando da tempo, come spiega la mamma Annamaria: «L’anno scorso - racconta - ha avuto un’ischemia coronarica. Sette mesi fa è stato operato, in ospedale a Novara. L’intervento è andato bene, gli hanno detto di tornare un anno dopo per dei controlli».

Stefano Brasi si era ripreso, ma non del tutto: «E' sempre stato un ragazzo pieno di vita, di vitalità. Ma da dopo l’operazione, lo vedevo, era meno pimpante del solito».

Il dramma si è consumato giovedì 29 maggio, nell’abitazione della mamma: «Era stanco e mi ha detto che andava a dormire. Dopo un po’ sono andata di là e ho visto che aveva un rigolino di sangue. Era ancora vivo. L’ho chiamato: Stefano, Stefano. Mi è morto tra le braccia».

«Era davvero una persona speciale - racconta - non lo dico perchè era mio figlio. Aiutava tutti se poteva, era un ragazzo tranquillo.  Aveva una compagna, Antonella, si volevano molto bene. Vivevano insieme. Lui lavorava in un centro commerciale. La figlia di Antonella era una figlia per lui, avevano creato una vera e propria famiglia. Poi per varie ragioni hanno perso entrambi il lavoro e Stefano è tornato a stare qui nella casa dove era cresciuto, a Pavignano.  Vorrei solo fosse ancora qui con me».

Shama Ciocchetti

Tags: Stefano Brasi, Pavignano, biella, arresto cardiaco, lutto

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 09-12-2017
Lo sfogo di un lettore : Riportiamo integralmente la protesta di un nostro lettore amareggiato e preoccupato per gli episodi di vandalismo che ripetutamente avvengono nel suo quartiere.
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 19-03-2017
Sono giorni che le cronache raccontano della recente visita del capo della Lega a Napoli e del corteo che ha attraversato la città con una coda...
Post Del 28-12-2016
Lele Ghisio Quanto siamo buoni in vista dell’imminente Natale (che sì, per alcuni è anche minaccia imminente nel campo delle emozioni e del traffico...

Rubriche della provincia