Preoccupati per la loro situazione, si sono rivolti ai funzionari per avere dei chiarimenti

Migranti in corteo fino alla questura, ma non era una protesta

Non c'erano né striscioni né bandiere e nessuno intonava canti o slogan. Per quanto insolita fosse la scena, i migranti che stamattina hanno attraversato la città in corteo non stavano manifestando.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 09-01-2015 alle ore 00:00:00.
migranti-in-corteo-fino-alla-questura-ma-non-era-una-protesta-560fdee2bb7a33.jpg
Il corteo di richiedenti asilo che stamattina ha raggiunto la questura

Non c'erano né striscioni né bandiere e nessuno intonava canti o slogan. Per quanto insolita fosse la scena, i migranti che stamattina hanno attraversato la città in corteo non stavano manifestando. Più semplicemente avevano deciso di andare a chiedere chiarimenti in questura e lo hanno fatto in tanti, circa venti persone. Un "dettaglio" che non li ha fatti passare inosservati e che ha spinto le forze dell'ordine a scortarli fino all'arrivo in questura.

A scatenare la "lunga marcia" - da Occhieppo al centro della città - è stato il rifiuto di concedere il permesso umanitario a un paio di loro. La notizia si è sparsa in fretta e molti degli ospiti del centro d'accoglienza occhieppese hanno temuto che la decisione potesse riguardare tutti.

A spiegarlo è Roberta Mo, referente del consorzio Il Filo da Tessere: "Quando si è diffusa la notizia del respingimento di due ricorsi da parte del tribunale di Torino (una decisione ancora appellabile, ndr) - chiarisce -, alcuni di loro hanno iniziato a preoccuparsi. Per questa ragione sono andati in questura, allo scopo di ottenere informazioni. Poi sono tornati in struttura e hanno avuto un ulteriore incontro chiarificatore con il legale che segue le pratiche e la situazione è rientrata".

Il quadro in effetti non è di semplice comprensione, anche perché è differente per ognuno di loro: "Si tratta di persone in uno stato di fragilità - continua Mo - che temono per il proprio futuro. Sono richiedenti asilo, ma non è detto che tutti lo ottengano, la commissione territoriale valuta le loro situazioni singolarmente". E in tempi diversi. Chi è arrivato a marzo, ad esempio, ha già affrontato la commissione e ottenuto una prima risposta, chi è qui da agosto dovrà invece attendere fino a marzo.

"L'iter e i tempi - conferma Roberta Mo - sono lunghi e diversi, così come le risposte. Il diritto alla protezione  viene concesso non solo sulla base dell'area di provenienza, ma anche a seconda della storia personale di ciascuno".

Per il momento a ricevere i primi "verdetti", positivi o negativi, sono stati solo alcuni cittadini del Mali (una guerra sta devastando il nord del Paese), ma le 74 persone attualmente in carico alla cooperativa Il Filo da Tessere sono di nazionalità diverse e provengono anche da Nigeria, Pakistan, Gambia, Senegal, Ghana, Bangladesh e Sierra Leone.

m. f.

Tags: corteo migranti, biella, migranti vanno in questura, richiedenti asilo

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia