Commento di Massimo De Nuzzo

Mi piace questa città più terrona

Nonostante tutto, a Biella si respira un'aria più positiva

Stampa Home
Articolo pubblicato il 15-01-2016 alle ore 08:06:14.
Mi piace questa città più terrona 3
Massimo De Nuzzo

Ciao Biella, vorremmo dirti che da un po’ di tempo a questa parte ci piaci molto di più. Lo sappiamo che tante gente è ancora senza lavoro, che le aziende soffrono  e che ci sono i pakistani, brutti, sporchi e cattivi, ai giardini Zumaglini. Chi è capace, però, può cogliere anche segnali di novità. C’è nell’aria  più ottimismo. Non sappiamo se sia merito dei nani di Natale o della ruota panoramica, ma è tornata la voglia di sorridere.
 

Il clima - parliamo proprio di meteo - ha il suo merito perché un inverno così “terrone” noi, che abbiamo cinquant’anni,  non lo ricordiamo. Il sole del Sud non reca solo difetti, come sostengono alcuni, ma porta con sè anche  gioia di vivere. Nonostante le risse ai giardini...

E poi, siamo felici di sottolinearlo, un po’ di meriti li ha anche questa amministrazione comunale, che - pagato lo scotto dell’inesperienza - ha iniziato a lavorare meglio.
I tempi sono cambiati, questo è fuori dubbio. In un mondo che sta esplodendo, protestare per la presenza dei profughi ai giardini Zumaglini è  però indice, ci perdoni chi si sente coinvolto, di  ottusità. Certo, potremmo riaccendere i forni crematori, così magari risparmieremmo anche sul riscaldamento e sui saponi, ma la gente disperata è così tanta che servirebbero forni troppo grandi per risolvere il problema...
Dall’orrore dei giardini, a quello di piazza Duomo.  C’è un filo rosso che lega le due proteste e la città in generale. Un filo che si chiama “conservazione”.  I pali luminosi davanti alla Cattedrale  non sono affatto brutti, e comunque sono meno brutti della  chiesa,  questa sì simbolo di un’architettura oscena. A Biella il concetto diffuso di bello è quello che trionfa  nei mercatini dell’antiquariato.  Il giorno in cui anche il pakistano ai giardini diventerà un’opera d’arte, non perché è bello, ma per ciò che rappresenta in questo momento storico, Biella sarà pronta a voltare pagina.

Cara Biella, caro sindaco Marco Cavicchioli. Ci sono i buchi nelle strade. C’è la popò dei cani. Ci sono gli schiamazzi notturni, la musica alta, i drogati e le risse ai giardini. Chi fa politica deve occuparsi di tutto questo senza perdere però la voglia di lottare per ridare alla città  quella dignità che ebbe ai tempi in cui meritò la medaglia d’oro e scrisse pagine fondamentali nella storia dell’industria tessile e delle lotte sindacali. Memorie, queste, che  non troviamo  sui banchi dei rigattieri, ma che devono continuare a fare  parte di noi.

Massimo De Nuzzo

Tags: Massimo De Nuzzo

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia