Appuntamento al teatro Sociale

Martedì il processo del Babi

Stampa Home
Articolo pubblicato il 08-02-2016 alle ore 09:58:48.
Beppe Pellitteri, regista del Processo del Babi
Beppe Pellitteri, regista del Processo del Babi

Come sempre il Babi avrà tante cose sui cui disquisire. L’anno appena trascorso ha dato tantissimi spunti, insomma anche nel 2015 la politica locale ha dato il meglio di sè. Gli argomenti sono tanti, anzi  troppi. L’ospedale nuovo che ogni tanto va sott’acqua (per forza la falda acquifera è appena sotto i piedi), oppure i laboratori da poco inaugurati e già a rischio chiusura. Oppure la telenovela su cosa fare del vecchio nosocomio per il quale sono stati già spesi 100mila euro per un concorso di idee internazionale. E ancora. Archiviata la lunga e inconcludente storia di peduncoli e peduncolini,  adesso la “madre di tutte le battaglie” biellesi è l’elettrificazione delle linee ferroviarie, una bazzecola da 30 milioni di euro. Come sempre Beppe Pellitteri, in arte il Babi, ne avrà tante da rinfacciare ai VIP di questa città.
Martedì sera dunque a partire dalle ore 21, l’appuntamento per i biellesi è al teatro Sociale per la messa in scena del “Processo al Babi”, per la cui realizzazione Pellitteri e soci si stanno preparando da mesi. «Abbiamo iniziato le prove nel scorso novembre - spiega la più irriverente maschera del Carnevale biellese - e siamo pronti per il gran finale». Così sul palco del teatro cittadino si alterneranno 15 attori e sei musicisti che come sempre sapranno far divertire il pubblico.
Per quanto riguarda i biglietti, si va verso il tutto esaurito: ormai i tagliandi disponibili sono pochi e quindi chi non l’ha ancora acquistato è meglio che si affretti.  
Come riportato da Frammenti di storia biellese, dal 1982, ogni edizione del Carnevale di Biella si chiude con il processo al Babi e la conseguente e scontata condanna al rogo: ma qual è la colpa di cui si è macchiato il rospo antagonista di Gipin?
 Nella versione più comune della leggenda si narra che il Babi, originario delle zone paludose della bassa vercellese, si avviò un giorno verso i monti biellesi; inebriato dal clima e dalla vista del paesaggio, iniziò a saltellare tutt’intorno e con un poderoso balzo si posò sul ramo di un albero. In quel mentre arrivarono Gipin e Catlin-a: la donna, attirata dai suoni emessi dal Babi, esclamò «Che bell’uccello, e che originale!», suscitando nel rospo un moto di orgoglio.
 Gipin, per nulla impressionato, si rivolse alla moglie dicendole che quello non era un uccello bensì un babi: questo richiamo alla realtà provocò la reazione stizzita del rospo e originò l’inimicizia tra lui e Gipin.
 Da allora il Babi, accusato di spacciarsi per l’uccello più bello di Biella, viene portato in tribunale da Gipin e immancabilmente condannato: solitamente l’arringa del Pubblico Ministero si concludeva con queste parole: «[…] cessi una buona volta la sconcia diceria che il più bell’uccello di Biella sia il Babi. Domando per lui il massimo della pena: la morte. La vostra condanna sia severa, inesorabile, esemplare».
Fino a qualche anno fa, il processo si concludeva con il rogo della maschera poi questioni di sicurezza hanno indotto, o per meglio dire, obbilgato gli organizzatori del Carnevale biellese a soprassedere all’avvenimento finale.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

  • Fabbriche aperte nel Biellese

    05-10-2017
    Affermare l’immagine del Piemonte come luogo della manifattura intelligente, dell’innovazione industriale e del saper fare è l’obiettivo...
  • Sabato via Italia si tinge di rosa

    05-10-2017
    Grazie all’impegno dell’amministrazione comunale, della Proloco di Biella, di Ascom e Confesercenti sabato 7 ottobre via Italia, sarà...
  • Oggi comincia la grande festa del Rione Riva

    05-10-2017
    Il prossimo fine settimana il rione Riva sarà in festa con una serie di appuntamenti per celebrare il patrono San Cassiano. Gli eventi sono organizzati...

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 13-09-2017
Sorpreso in auto con droga, non aveva patente, assicurazione e revisione 3 Sorpreso alla guida di un'autovettura in possesso di un piccolo quantitativo di droga, a seguito degli accertamenti da parte degli agenti della Questura...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 19-03-2017
Sono giorni che le cronache raccontano della recente visita del capo della Lega a Napoli e del corteo che ha attraversato la città con una coda...
Post Del 28-12-2016
Lele Ghisio Quanto siamo buoni in vista dell’imminente Natale (che sì, per alcuni è anche minaccia imminente nel campo delle emozioni e del traffico...

Rubriche della provincia