Giuliano Ramella scrive a Cavicchioli

L'ospedale e la foglia di fico

Le do atto di essere stato l'unico tra gli innumerevoli candidati al seggio supremo di Palazzo Oropa a raccogliere la "sfida" di porre il problema dell'ospedale di Biella, alla vigilia del suo trasferimento a Ponderano, fra quelli centrali della campagna

Stampa Home
Articolo pubblicato il 30-03-2014 alle ore 00:00:00.
lospedale-e-la-foglia-di-fico-560fa9e5d852b3.jpg
L'ospedale di Biella

Gentile Marco Cavicchioli,

intanto le do atto di essere stato l'unico tra gli innumerevoli candidati al seggio supremo di Palazzo Oropa a raccogliere la "sfida" di porre il problema dell'ospedale di Biella, alla vigilia del suo trasferimento a Ponderano, fra quelli centrali della campagna elettorale.  Della sua articolata argomentazione, forse fin troppo ricca di scenari, mi ha colpito l'affermazione secondo cui "il concorso di idee è una foglia di fico...".  Vede, Cavicchioli, nella mia lunga vita di gazzettiere "ho visto cose che voi umani...";  ad esempio concorsi/foglia di fico trasformarsi in qualche caso in  pietre tombali, in altri casi in interminabili maratone micidiali per le idee e per chi le aveva messe in concorso.  E' proprio il caso del nuovo ospedale alla cui premiazione del concorso di idee partecipai, giovanissimo cronista, poco meno di mezzo secolo fa. 

E allora c'erano i progetti, c'erano e soldi e c'era la "volontà politica" (altra foglia di fico fiorone) sia pure declinata nelle forme e nei rituali felpati della curialità democristiana allora dominante.  Io non ho più mezzo secolo a disposizione (e forse neppure lei) per godere degli effetti, conseguenti al concorso, del riuso del vecchio ospedale.  Che è un problema da affrontare hic et nunc, qui e ora, per evitare che diventi l'ennesima cattedrale sbriciolata dei sogni perduti: come, per stare nei paraggi, i Lanifici Rivetti e le Pettinature Riunite.

Lo svuotamento dell'ospedale, nel e intorno al quale ogni giorno girano migliaia di persone, crea un vulnus insanabile alle attività commerciali e di servizio del centro città che, mi scusi, non ha bisogno di altri parcheggi ma di ragioni e di motivi perchè la gente ci vada.  Come pensa di compensare la "ricaduta" del traffico ospedaliero sulle attività del centro ?  Mi consenta di sorvolare sulle pur suggestive opzioni che lei inanella e che richiedono un tempo che questa città forse non ha.  Stiamo all'hic ed nunc:  qualcuno (mi pare Susta) ha proposto di ubicarvi le scuole. E' interessante, anche se il rischio mi sembra quello di un pendolarismo parossistico   senza particolari benefici di ricaduta.
Più suggestiva e promettente mi sembra l'ipotesi di trasformare il gigante di via Caraccio in cittadella universitaria dotata di tutti i servizi residenziali.  Un'università da riqualificare puntando sulle specializzazioni informatiche in particolare legate all'e-commerce.  A Biella e nel Biellese esistono, ignorate da molti, alcune fra le imprese di maggior successo sui mercati internazionali che operano sul web.  A Biella esiste una banca (che fa pure corsi in proprio) che detiene la leadership nazionale riconosciuta nel campo delle procedure finanziarie propedeutiche all'e-commerce.  Ma questo è solo un esempio.  Per rifare la società ferita, si dice, occorre partire dalla cultura.  I giovani e l'università sono il motore del futuro e il carburante del presente.  Pensi solo per un attimo cosa significa l'università nel cuore della città per Bologna, per Perugia, per Pavia o anche soltanto per Vercelli.  Vita, movimento, consumo, vivacità intellettuale, scambio sociale fecondo, nascita e proliferazione di attività di intrattenimento serale in una città nel cui centro dopo le 19 scatta il coprifuoco.
C'è anche chi, sul tema del che fare del monoblocco, ne propone la demolizione perchè offende lo skyline cittadino, e nell'area liberata realizzare l'ennesimo  giardino per farci giocare i bimbi e caracollare i pensionati (sempre che non offrano cioccolatini...).   Tutto si tiene, anche le sciocchezze, ma vuole provare, nella "perfetta palestra" che sta allestendo, ad introdurre pratiche e temi che facciano della concretezza e della praticabilità un esercizio non accademico?  Ci spero e ci conto.
Con stima ed auguri
Giuliano Ramella
Tags: Giuliano Ramella, marco cavicchioli, biella, campagna elettorale, ospedale, elezioni amministrative

Attualità

Cronaca

  • Travolto un pedone in piazza San Cassiano

    10-12-2016
    Incidente in piazza San Cassiano angolo via Italia a Biella. Poco dopo mezzogiorno un'autovettura ha travolto un pedone. Sul posto sono immediatamente...
  • Tampona il carro attrezzi del soccorso stradale

    10-12-2016
    Incidente questa mattina lungo l'autostrada A4 To-Mi. Una Citroen C3 con targa francese ha tamponato un carro attrezzi che si era appena rimesso in carreggiata...
  • Cossato: scontro tra due auto

    10-12-2016
    Incidente senza feriti ieri, venerdì 9 dicembre, in via Mazzini, a Cossato, nei pressi del distributore Eni. A scontrarsi, per cause in via di accertamento...

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia