La paga del sabato

L'identità del "porcone"

Stampa Home
Articolo pubblicato il 01-12-2016 alle ore 09:18:22.
Lìidentità del "porcone" 3
Lìidentità del "porcone" 3

Pare sbollita la vicenda del porcone trovato da chi cercava lavoro. Anche se apre più di un interrogativo sul vivere contemporaneo tra social network, giornali locali, video nazionali e pruriti voyeuristici. E qualche domanda che non sia “ma chi è?” potremmo anche tentare di pòrcela. A seguito del video delle Iene televisive, in città la caccia all'identità dell'uomo si è scatenata, con buona pace d'ogni privacy possibile e, soprattutto, plausibile.
La differenza tra possibile e plausibile sta tutta nell'opportunità di evitare che il soggetto in questione possa continuare con le sue estemporanee selezioni del personale (dell'azienda e delle aspiranti lavoratrici). Ma il sospetto che la caccia al nome non fosse altro che la pruriginosa voglia, più o meno inconfessabile, di alimentare lo stupore col gossip resta. Siamo una città di provincia: a volte più provinciale della provincia, così come qualcuno si ritrova, spesso, a essere più realista del re. Essere una città di provincia, non è che sia un'accezione del tutto negativa. Ma è quello che, probabilmente, ci impedisce un salto in avanti nell'atteggiamento mentale. Con la percezione di essere un riflesso del mondo, non ci rendiamo conto che a rifletterci è uno specchio.  
È anche comprensibile che il desiderio di sapere il nome e cognome del “porcone” rientri nel novero delle reazioni più banalmente umane, ma è un istinto che ci coglie soltanto di fronte a un possibile argomento di conversazione nel bar sotto casa o nel social di riferimento. L'idea che il fatto in sé sia, magari e purtroppo, pratica diffusa anche nel resto di quella grande provincia che è l'Italia ci sfiora soltanto, nel migliore dei casi. Che la donna, spesso in quanto tale, debba subire questo genere di vessazioni nel mondo del lavoro, nel nostro terzo millennio emancipato ci preoccupa solo se è possibile sputtanare – comprensibilmente in questo caso, intendiamoci – il vicino di casa. Servirebbe una sana presa di coscienza e un'azione a seguirla. Ma ciò, a Biella e in questa grande provincia che è l'Italia, sembra relegato nel solo ambito della dialettica, quando va bene.
Quando va male si assiste al sorriso di quella giovane donna che, nel video, sembra giustificare con un sorriso l'atteggiamento del principale. È questo il cortocircuito: che la complicità nasca dalla necessità. E che sia quella di un lavoro dà la misura dell'umiliazione che alcune donne, in tema di molestie sessuali, subiscono. Che lo facciano loro malgrado o meno.

Lele Ghisio

X

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia