La desolante cronaca dei giorni nostri

Ladri di biciclette

Stampa Home
Articolo pubblicato il 02-03-2014 alle ore 00:00:00.
ladri-di-biciclette-560fa6a840f423.jpg
Ladri di biciclette

Ladri di biciclette e' il titolo di un capolavoro del neorealismo italiano, sceneggiato e diretto nel 1948 da Vittorio De Sica e tratto da un racconto di Cesare Zavattini.  E' lo spaccato di un'Italia stremata dalla guerra in cui la bicicletta è strumento di bisogno e oggetto di desiderio per poveracci che la rubano per usarla, per rivenderla magari dopo averla smontata in pezzi.  E' l'affresco dolente e struggente di un popolo sconfitto che non ce la fa e si abbandona ad una disperata guerra fra i poveri, esposto alle lusinghe truffaldine dei magliari che vendono stoffaccia per drapperia finissima che in cimossa riporta la Z spacciata come marchio del nostro Zegna.

Ma è anche il titolo del film che la cronaca dei nostri giornali suggerisce per la rappresentazione del nostro mondo stremato dalla guerra mondiale finanziaria perduta, dove noi, gli sconfitti, ci inventiamo espedienti di sopravvivenza per difenderci dallo Stato magliaro e dalla pletora vociante dei politici che, in vista delle imminenti elezioni amministrative, ghignano sinistramente dai manifesti e ci promettono cornucopie di futuri luminosi esponendo in cimossa la B di Berlusconi o la R di Renzi; chi di noi non ce la fa si uccide o emigra.

Le cronache di queste settimane ci parlano di una recrudescenza dei furti negli alloggi, sottolineando le storie dei bottini importanti: denaro, gioielli, televisori e computer, vestiti. Non ci raccontano però dei tanti furti in alloggi deserti di preziosi, conclusi con il saccheggio consolatorio del frigo con i resti di una spesa al discount: uno stracchino cominciato, una busta di mortadella, mezza bottiglia di una sottomarca di cola, un brik di tavernello.

E poi ci sono i ladri di biciclette, quelli che nei giorni scorsi hanno svaligiato due rivenditori a Vigliano e a Cossato dove hanno prelevato "preziose mountain bike" per le quali, tuttavia, fino a qualche anno fa nessun ladro serio avrebbe rischiato il grimaldello.  Ma ci sono anche quelli, in aumento, che la bici o il motorino li rubano per usarli, per rivenderli magari dopo averli smontati in pezzi.

Mutatis mutandis, siamo, per questo e altro, tornati indietro di sessant'anni.  Ma i nostri padri e i nostri nonni avevano un mondo da ricostruire, delle speranze da coltivare, una rabbia costruttiva che li sosteneva nella lotta.   
Noi viviamo immersi in un buco nero, pervasi da una rabbia autostruttiva e coglionati da caste e satrapi per i quali siamo carcasse da spolpare.


 

Tags: Giuliano Ramella

Attualità

Cronaca

  • Trovati resti umani in un prato

    23-01-2017
    Giaceva senza vita in una zona boschiva tra Cerrione e Zimone ormai da un anno e mezzo. È stata una persona che passava di lì per caso, domenica...
  • Muore a 24 anni travolto dal treno

    23-01-2017
    Aveva solo 24 anni Hamza Ghassouine, trovato privo di vita vicino ai binari, nel Milanese. A notare il suo corpo, alle prime luci dell’alba di domenica...
  • Bambina di 5 anni muore per denutrizione

    22-01-2017
    Tragedia a Novara. Una bambina di 5 anni è morta all'ospedale Maggiore. Si sospetta che la causa principale possa essere stata la denutrizione,...

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 07-01-2017
Biella: minori ubriachi danneggiano le auto in sosta 3 Tre ragazzini sono stati denunciati dalla Polizia per danneggiamento e minacce a pubblico ufficiale, dopo essere stati sorpresi ubriachi da una pattuglia...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 28-12-2016
Lele Ghisio Quanto siamo buoni in vista dell’imminente Natale (che sì, per alcuni è anche minaccia imminente nel campo delle emozioni e del traffico...

Rubriche della provincia