Voci di senza voce di Alberto Scicolone

La vita è una questione di scelte

Stampa Home
Articolo pubblicato il 12-03-2014 alle ore 00:00:00.
la-vita-e-una-questione-di-scelte-560fa8b797ac03.jpg
Alberto Scicolone

In questi giorni tantissime persone da tutta Italia mi stano telefonando per sapere come poter adottare un agnellino strappandolo a un destino già scritto da una barbara tradizione. Persone del Veneto, della Toscana , della Sicilia, dell’Emilia e della Romagna. Come in ogni iniziativa ritrovo lo spaventoso abisso fra la gente comune, capace di una straordinaria sensibilità e quelli che stanno “in alto”…quasi a dimostrare che se vuoi salire nelle gerarchie umane devi per forza scendere in quelle care agli Dei.

Nella vita c’è chi decide di battersi per gli ideali e chi decide di dimenarsi tra i più bassi giochi della tattica umana pur di mantenere una posizione sociale che gratifichi il suo ego.

Le differenze di spirito e d’animo dividono gli uomini davanti alla storia e non davanti alla catalogazione umana dei ceti sociali e della notorietà.

Allora cominciamo a tracciare alcune differenze, alcune visioni del mondo che non rendono di me un soggetto di cui sorridere e classificare come folle ma piuttosto altri come uomini normali, lontani dal quella grazie d’animo concessa a tanti ma non a tutti.

Chiariamo in primis che fare una cosa non esclude l’altra ma l’educazione di una nuova gioventù capace d’essere diversa richiede delle scelte…

Cominciamo… Tra sollevare una coppa per guadagnare consenso e sollevare un agnellino strappato al macello e regalarle la vita scelgo la seconda opzione o ancora meglio entrambe se sono certo che l’obiettivo non è quello della macchina fotografica.

Fra intitolare una p.zza al grandissimo Lucio Dalla o a De Cubertain e dedicare un’area verde ad una giraffina simbolo della crudeltà umana verso i senza voce opto senza dubbio almeno per  entrambe le cose. Lo sport e la musica sono amici della vita e non spot della politica.

Se devo scegliere fra spendere i miei soldi per aiutare chi ha fame con del cibo oppure tappezzare di manifesti la città promettendo di farlo…preferisco la prima opzione perché in attesa di una promessa con carta e colla non si fa un panino.

Se devo scegliere fra il saluto sincero di un ragazzo seduto ai giardini sfatto, ubriaco, senza futuro che ancora è capace di vedermi come un uomo e la stretta di mano interessata di chi mi vede come un voto…scelgo il primo…sempre!!!

La vita è questione di scelte e dopo tutto se a noi è dato d’essere sognatori e grazie a chi non dorme mai per paura di perdere il treno di una celebrità effimera

Alberto Scicolone


Tags: Alberto Scicolone, Voci di senza voce

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia