Alasinistra - La rubrica di Roberto Pietrobon

La terra è di tutti

Spiace doverne parlare una settimana dopo. Spiace averne letto poco (e male) sugli organi di informazione locale.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 27-06-2015 alle ore 17:58:46.
la-terra-e-di-tutti-560fefdc9eff93.jpg
Roberto Pietrobon

Spiace doverne parlare una settimana dopo. Spiace averne letto poco (e male) sugli organi di informazione locale.

Eppure, venerdì scorso al Chiostro di San Sebastiano, la giornata del rifugiato è stata una manifestazione per certi versi davvero eccezionale. Non mi interessa riprendere qui le polemiche di chi ha contestato lo slogan “il cielo è di tutti” che, citando un marxista non pentito come Gianni Rodari, a qualcuno è apparso un riferimento troppo “religioso”. Non mi interessa neppure discutere di chi ha realmente organizzato quella serata e di chi ha furbescamente provato a metterci il cappello.

Il dato è racchiuso nella partecipazione di oltre 1500 persone a quell’appuntamento, nel senso che ho provato io e tutti coloro con i quali sono riuscito a scambiare idee e impressioni: noi non siamo razzisti. E non perché siamo mossi da un “buonista” senso di fratellanza verso chi scappa da guerra, fame e miseria affrontando e sfidando la morte ma perché sappiamo che tutti possiamo essere vittime di razzismo. E, soprattutto, abbiamo ben chiaro cosa significhi il razzismo. Sappiamo che il razzismo è quella manifestazione, spesso istintuale, ma quasi sempre mossa da una parte politica, che si fonda sul presupposto che esistano razze umane biologicamente e storicamente superiori ad altre razze. Invece, come ci dicono la scienza e la coscienza, siamo tutti esseri umani, cittadini e cittadine di questa terra che per mille ragioni migrano da una parte all’altra del globo.

Mille cinquecento persone non sono di certo la maggioranza del biellese ma sono certamente di più di tutti quelli che hanno manifestato con leghisti e fascisti in questo periodo, sono decisamente di più di quelli che commentano e offendono su facebook, sono decisamente di più anche di quelli che visitano certi siti locali che danno solo libero sfogo ai peggiori sentimenti xenofobi. Per questo possiamo dire che venerdì ci siamo ripresi la piazza. Quella reale, non quella virtuale nella quale, per mesi, abbiamo visto vomitare odio, rancore e ignoranza.

Venerdì scorso, quindi, non il cielo ma la terra è sembrata, almeno per una sera, davvero di tutti. Tutti e tutte insieme a ballare, tutti e tutte insieme ad ascoltare le storie di chi scappa dalla fame e dalla guerra. Biellesi e migranti. Italiani e africani. Donne e uomini. Vecchi e bambini. Io mi sono sentito meno solo quella sera nel sapere che esiste ancora chi crede nell’umanità e non nell’odio e ri-conosce che in un barcone in mezzo al Mediterraneo non ci sono solo somme di problemi da ignorare ma moltitudini di vite da salvare.

www.alasinistra.org


Tags: Alasinistra, Roberto Pietrobon, rubrica pietrobon

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia