Alasinistra

La Cerruti, l'Atap e quei piccoli uomini

di Roberto Pietrobon

Stampa Home
Articolo pubblicato il 17-07-2016 alle ore 11:44:49.
Roberto Pietrobon
Roberto Pietrobon

Rabbia. Una sensazione fisica prima ancora che mentale o emotiva che mi assale a leggere, da una settimana, lo spettacolo indecente che la politica sta dando in merito alla vendita della nostra società di trasporto pubblico, Atap. Una rabbia che fa il paio che la situazione che stanno vivendo gli oltre 400 dipendenti della Cerruti che, tra poco, diminuiranno a poco più di 300: ennesima crisi, silenziosa, del tessile biellese.

Ai dipendenti della Cerruti i sindacati hanno proposto di tagliarsi tra il 25 e il 50% dello stipendio per evitare gli “esuberi” oppure di incrociare le dita sperando che loro non siano tra i 70 che, da fine anno, saranno messi ai margini del ciclo produttivo. Non c’è più neanche il tentativo, l’intenzione di ribellarsi, solo rassegnazione.

La rassegnazione che si può leggere nelle dichiarazioni di (quasi) tutti i sindaci locali per giustificare la vendita delle quote Atap degli enti che amministrano. “Vorremmo salvaguardare l’azienda, il servizio, il personale ma siamo in crisi, la Provincia è sull’orlo del baratro” e via di scenari apocalittici. Ecco allora che lo sfalcio o la bitumazione di una strada diventano l’alfa e l’omega dei nostri politici, l’unico orizzonte possibile che ne decreta la sopravvivenza o l’oblio.

Piccoli uomini che nel breve volgere di un anno passano da una dichiarazione al loro opposto e che, magari, ricorrono a wikipedia o a google per cercare termini altisonanti come “clausole di salvaguardia” (riferite ai posti di lavoro dei dipendenti di Atap) per pulirsi ancora una volta le coscienze.

E sperare, così, di aver mantenuto la loro effimera posizione di potere.

Intanto c’è già chi ha imbandito il tavolo in attesa di cibarsi di un servizio pubblico a condizioni di costo più che vantaggiose che, sia chiaro, non sono quelle che abbiamo letto in questi giorni ma forse meno della metà del 26 milioni di euro sbandierati.

Per questo la vicenda della vendita di Atap e i licenziamenti alla “Cerruti” alla fine non sono poi così diversi. Parlano di lavoro vivo, di quel brandello di dignità che ti permettere di mantenere te stesso e la tua famiglia, di non dover scegliere tra pomeriggi chiusi nelle sale gioco a mangiarti i quattro soldi della liquidazione o spesi al bar con un bianchino in mano.

La vicenda Atap però non è solo i posti di lavoro che si perderebbero ma anche il servizio che verrà progressivamente “razionalizzato”. Un servizio di trasporto pubblico che, dopo la crisi del tessile, era diventato un grande “scuolabus” provinciale che permetteva ai nostri ragazzi – sia a quello che vive a Rongio sia a quello che abita a Vermogno – di poter frequentare le scuole superiori a Biella e poter accedere a livelli di istruzione essenziali e, un domani, costruirsi una prospettiva degna oltre che di non relegare le nostre Valli alla completa solitudine e, quindi, all’oblio.

Chi gioca oggi su tutto questo lo fa sul futuro di un intero territorio. Provare ad impedirglielo è l’unico modo per salvare non una Provincia ma una comunità intera.

 

Roberto Pietrobon

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia