Calcio Promozione

La Biogliese Valmos deve vincere e tifare Fulgor

Stampa Home
Articolo pubblicato il 23-02-2014 alle ore 11:32:11.
la-biogliese-valmos-deve-vincere-e-tifare-fulgor-560fa65aee9113.jpg
La Biogliese Valmos, Luca Ferla

Biella(rar)Strani incroci nella 22esima giornata del campionato 2013/2014 di Promozione. La settima di ritorno propone infatti un calendario che, per le tre squadre biellesi in lizza, è decisamente importante. Il turno di oggi (fischio d’inizio alle 14.30) potrebbe pertanto muovere anche in maniera importante la classifica.
L’analisi parte doverosamente dalla Biogliese/Valmos, seconda della classe e lanciatissima all’inseguimento dello Stresa, che a Valle Mosso ospiterà il Varallo/Pombia. Si tratta di un vero e proprio scontro diretto tra due squadre che hanno come obiettivo minimo il raggiungimento dei play-off. I padroni di casa occupa appunto il secondo posto, mentre la compagine ospite è quarta al pari della Virtus Cusio, ma distanziata di appena due lunghezze da Ferla e compagni. Mister Pier Luca Peritore è stato chiaro: «Da qui alla fine della stagione mancano nove “finali” e l’approccio alla partita si rivelerà decisivo». Chiaro dunque il riferimento all’inizio troppo “soft” di una una settimana fa contro la Castellettese.
I rossoneri saranno dunque chiamati a fare la loro parte, conquistando questi tre punti in un impegno non facile, per poi attendere notizie positive da Stresa, dove la capolista ospiterà i “cugini” della Fulgor Ronco Valdengo. La classifica degli azzurri è piuttosto delicata e pertanto sarebbe fondamentale anche solo strappare un pareggio, anche perché le dirette rivali nella corsa verso la salvezza diretta nelle ultime uscite sembrano aver cambiato decisamente il passo.
La Biogliese/Valmos potrebbe poi sperare in un risultato positivo anche da parte del Cossato, che farà visita alla Romentinese, attualmente terza con un solo punto da recuperare. I cossatesi vivono senza dubbio momenti più sereni rispetto ai “cugini” allenati da Alberto Ghiron e il tecnico Giancarlo Govoni può godersi il ritrovato stato di forma dei suoi pezzi da novanta, giocatori del calibro di capitan Ciarmatori, di Urban e di Beltrame, che stanno facendo la differenza. L’obiettivo è però di migliorare il livello della manovra, alla quale manca ancora la necessaria continuità per guardare con assoluta serenità a una salvezza da raggiungere quanto prima.

Tags: Andrea Rossetti

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 19-03-2017
Sono giorni che le cronache raccontano della recente visita del capo della Lega a Napoli e del corteo che ha attraversato la città con una coda...
Post Del 28-12-2016
Lele Ghisio Quanto siamo buoni in vista dell’imminente Natale (che sì, per alcuni è anche minaccia imminente nel campo delle emozioni e del traffico...

Rubriche della provincia