Scrive una lettrice

"In quella festa dell'Arci si massacrano gli animali, vergogna!"

Stampa Home
Articolo pubblicato il 12-08-2017 alle ore 08:10:23.
"In quella festa dell'Arci si massacrano gli animali, vergogna!" 3
Polemica per la festa di Brovato

Gentili signore e signori,

ho appreso dai mezzi di informazione che dal 4 al 13 Agosto a Valle San Nicolao (BI) è in corso “è… la Festa!” organizzata dal circolo A.R.C.I. Brovato che propone 10 offerte gastronomiche a base di: merluzzo, stinco, asino, spaghetti allo scoglio, tagliata e costata di manzo, polenta concia, pulled pork, selvaggina, bocconcini, tapulun, wurstel e crauti, pollo alla diavola, baccalà, salsiccetta, spezzatino misto, grigliate, fritto di pesce.

L'A.R.C.I. è Associazione Ricreativa Culturale Italiana e lo stesso circolo http://www.arcipiemonte.it/affiliati/arci-brovato è identificato come circolo che si occupa di cultura e tempo libero, solidarietà e volontariato, politiche di genere ma non vedo nulla di tutto ciò in questi menù mortiferi.

Nella desolante indifferenza della sofferenza animale, l’animale diviene cibo e oggetto su cui sfogare le bizzarrie festaiole di un circolo votato al massacro animale.

E’ scritto sullo Statuto nazionale dell’A.R.C.I., Art. 3 “Sono campi prioritari di iniziativa dell'associazione:….. aa) l'impegno per la difesa della dignità degli animali, contro ogni forma di violenza esercitata nei loro confronti, dal fenomeno dell'abbandono alle pratiche della vivisezione e dei combattimenti, e per l'attuazione di attività di ricovero e iniziative per l'affidamento e l'adozione;” http://www.arci.it/chi-siamo/statuto/

L’A.R.C.I. si guarda bene dal prendere le distanze da allevamento, macello, caccia e pesca. Mi chiedo che cosa ci sia di dignitoso nell’uccisione e nella macellazione di animali per fare una festa e, considerata la condanna della violenza da parte dell'A.R.C.I., mi chiedo se il circolo A.R.C.I. in questione si renda conto della violenza esercitata su un animale destinato ad allevamento, macellazione, caccia, pesca per diventare cibo. Allevare, cacciare, pescare, macellare e mangiare animali è legale ma non tutto ciò che è legale è moralmente accettabile: l’A.R.C.I. lo sa bene, proprio in virtù delle battaglie che conduce, e proprio per questo mi aspetto da un circolo A.R.C.I. un messaggio diverso, una scelta che lasci fuori il cibo animale.

Credo che la solidarietà, valore caro all’A.R.C.I., non sia a senso unico, quindi bisogna iniziare a guardarsi intorno, aprendosi a una visione più ampia della vita animale. Se l’A.R.C.I. lotta per i diritti con forza e determinazione, rivendica libertà e rispetto, combatte logiche distruttive e di potere, mi chiedo come sia possibile che per l’A.R.C.I. le scelte alimentari non abbiano ancora assunto il peso che dovrebbero avere proprio in funzione delle argomentazioni e dei principi su cui l’A.R.C.I. è fondata. Il cibo non è solo cibo. Il gusto personale non giustifica il diritto di disporre di esseri senzienti come una risorsa a uso e consumo degli esseri umani perché il diritto alla libertà non è una prerogativa esclusiva dell’essere umano. Non può esserci libertà dove esiste prevaricazione e scegliere come nutrirsi è la scelta più semplice che può diventare la più rivoluzionaria.

Gli animali massacrati per questa festa non sono diversi da un cane o da un gatto: la differenza è solo nello sguardo di chi li osserva.

E' sorprendente che ai giorni nostri, nonostante l'informazione, la sensibilizzazione e la nuova coscienza di rispetto verso gli animali, vi siano ancora luoghi dove certi eventi che si basano sulla crudeltà di una pietanza derivata da uccisioni di animali siano pubblicizzati come una festa. Forse è ancora lontana una presa di coscienza che rispetti la vita animale in ogni sua forma, ma qualcosa sta cambiando.

La crescente informazione sulle condizioni degli allevamenti, sulla sofferenza che comporta il viaggio verso i mattatoi e sulla macellazione fa riflettere sempre più persone sulla pratica di mangiare animali. Si va sempre di più verso una scelta etica, salutistica, ecologica, sociale, economica dalla parte opposta rispetto a quella a cui indirizza il Circolo A.R.C.I. http://www.saicosamangi.info/ Uno dei tanti studi sul futuro dell’alimentazione umana ci fa capire che la strada da prendere è un’altra http://www.movimentoantispecista.org/dossier-alimentazione-umana-il-futuro-della e mi auguro che anche l’A.R.C.I. la prenda al più presto impegnandosi concretamente a realizzare i princìpi su cui è basato il suo statuto.

Sono una ex tesserata A.R.C.I. e ho lasciato l’associazione proprio dopo avere constatato che non c’era coerenza tra princìpi e azioni.

Cordiali saluti.

Paola Re

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 09-12-2017
Lo sfogo di un lettore : Riportiamo integralmente la protesta di un nostro lettore amareggiato e preoccupato per gli episodi di vandalismo che ripetutamente avvengono nel suo quartiere.
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 19-03-2017
Sono giorni che le cronache raccontano della recente visita del capo della Lega a Napoli e del corteo che ha attraversato la città con una coda...
Post Del 28-12-2016
Lele Ghisio Quanto siamo buoni in vista dell’imminente Natale (che sì, per alcuni è anche minaccia imminente nel campo delle emozioni e del traffico...

Rubriche della provincia