La dottoressa: "Serberò il ricordo delle emozioni vissute in questi anni"

In pensione l'assistente-rianimatore Daniela Peracchio

Sono passati 35 anni da quando l’anestesista-rianimatore Daniela Peracchio ha iniziato la propria carriera professionale all’Ospedale degli Infermi. Torinese di nascita, ma biellese d’adozione, il medico ha intrapreso il proprio percorso lavorativo come a

Stampa Home
Articolo pubblicato il 08-04-2015 alle ore 00:00:00.
in-pensione-lassistente-rianimatore-daniela-peracchio-560fea016e45c3.jpg
Daniella peracchio con Claudio Pissaia ed Ermanno Spagarino

Sono passati 35 anni da quando l’anestesista-rianimatore Daniela Peracchio ha iniziato la propria carriera professionale all’Ospedale degli Infermi. Torinese di nascita, ma biellese d’adozione, il medico ha intrapreso il proprio percorso lavorativo come assistente in Anestesia e Rianimazione, sotto la guida del primario di allora, Efisio Petterino, vivendo i numerosi cambiamenti organizzativi interni all’Azienda e le evoluzioni della propria professione.

Da mercoledì 1° aprile, Daniela Peracchio è in pensione e degli anni trascorsi all’Ospedale degli Infermi si porta dentro i successi, le sconfitte e le emozioni che hanno scandito fino a qui la sua quotidianità. Il suo percorso professionale e le sue competenze le hanno permesso di essere nominata nel 1999 Coordinatore ospedaliero dei Prelievi di Organi e, nel 2009, Responsabile della Struttura di Medicina Perioperatoria.

«Quando iniziai a lavorare, 35 anni fa, ricordo che le sale operatorie erano ubicate al piano dei rispettivi reparti di degenza. Ci fu poi lo spostamento dell’attività operatoria e della Rianimazione nel nuovo blocco, con la centralizzazione di tutte le sedute operatorie, al di fuori della Ginecologia che mantenne la propria sala operatoria adiacente al reparto. Erano tempi in cui il paziente veniva ricoverato per essere “studiato”: da “interno” veniva sottoposto a tutti gli esami strumentali necessari, con tempi di degenza che potevano passare da una settimana ad anche un mese prima dell’intervento».

Negli anni Novanta l’organizzazione venne snellita, con l’introduzione del “Day Surgery” (sostituito poi con il Week Surgery), per gli interventi meno complessi: il paziente si reca in ospedale come esterno per gli esami pre-ricovero, viene ricoverato il mattino stesso dell’operazione e dimesso nell’arco della giornata o nei giorni appena successivi, a seconda della terapia chirurgica. Tutto ciò è stato reso possibile anche dall’introduzione della chirurgia laparoscopica, meno invasiva rispetto alle tecniche tradizionali: «Per gli interventi a basso impatto chirurgico -spiega ancora Peracchio-, nel 50% dei casi oggi la valutazione anestesiologica del paziente viene effettuata al momento dell’operazione, se dall’anamnesi chirurgica non si evincono patologie degne di nota».

Parallelamente, sempre negli anni Novanta venne affrontato il problema della sicurezza delle sale operatorie, legata all’inquinamento da parte dei gas anestetici volatili utilizzati durante la narcosi: «L’utilizzo dei circuiti chiusi (respiratore-paziente) e di opportuni sistemi di aspirazione dei gas, l’intubazione di tutti i pazienti sottoposti ad anestesia generale, poi l’uso di anestetici endovenosi e l’implemento dell’anestesia loco-regionale, per esempio in Ortopedia, ha praticamente azzerato il problema, garantendo un ambiente sicuro per pazienti ed operatori», racconta ancora il medico.

Lo stesso monitoraggio intraoperatorio del paziente, che un tempo si basava sulla sola valutazione del polso periferico, oggi si avvale di tecnologie sempre più sofisticate come la pulsiossimetria, che trasmette in tempo reale lo stato di ossigenazione del sangue della persona sotto intervento.

L’attività di anestesista svolta negli anni da Peracchio è stata portata avanti di pari passo con quella svolta come rianimatore in reparto, nelle situazioni di emergenza in Pronto Soccorso o in altri reparti ospedalieri in cui il paziente critico era in pericolo di vita: «Nei primi anni di lavoro, l’inesperienza e l’apprensione di affrontare circostanze di questo tipo mi creavano ansia. Col tempo, poi, conoscenze ed esperienza aiutano ad affrontare meglio le situazioni, impari a gestire l’emozione e questo è un passo fondamentale perché di fronte al paziente da rianimare devi essere assolutamente lucida e seguire scrupolosamente le procedure. Sai di poter contare sulla collaborazione dei colleghi, su un lavoro di équipe prezioso, dove ciascuno mette a disposizione degli altri la propria professionalità, ma ciò non toglie che questo sia un lavoro ad alto impatto emotivo».

Negli ultimi quindici anni, Daniela Peracchio si è dedicata parallelamente ai prelievi multiorgano, attività che presso l’ASL BI è iniziata proprio nel 2000. Le attività di prelievo avvengono in stretta collaborazione tra il Centro Trapianti di Torino e l’équipe intraospedaliera, coordinata fino a pochi giorni fa proprio da Peracchio, coadiuvata dal rianimatore Ermanno Spagarino e da Francesco D'Aloia, Vice Direttore della Direzione Medica Ospedale e Responsabile dell'Unità per la prevenzione del rischio Infettivo dell’ASL BI, che commenta: «Alla dottoressa Peracchio va il ringraziamento della Direzione Medica e di tutti i colleghi, per l’attività prestata in questi anni. Con la sua competenza professionale e la sua capacità di coordinare il team anche in situazioni di stress, ha saputo svolgere in maniera esemplare la professione medica. In particolare, va tributato alla dottoressa il riconoscimento per aver portato a livelli di eccellenza l’attività di donazione e prelievo di organi, facendo attestare l’Ospedale di Biella tra i migliori della regione Piemonte e, soprattutto a lei va il ringraziamento di noi tutti per la grande umanità sempre profusa nel suo operato». Infatti, l’intero percorso, dall’osservazione del paziente in morte cerebrale al trapianto, coinvolge una cinquantina di operatori sanitari, sia del Centro Regionale Trapianti, sia del “Degli Infermi”: «Il nostro ospedale è considerato tra le eccellenze in Piemonte per numero di organi che ogni anno riusciamo a destinare al trapianto, pur avendo una Rianimazione di tipo generale –spiega ancora Peracchio-. Nell’area del Piemonte Nord Orientale solo Novara, centro di riferimento all’interno del Quadrante, essendo dotato della Cardiochirurgia e della Neurochirurgia, vanta numeri superiori all’ASL BI». Nel 2013 e 2014 al Degli Infermi sono stati eseguiti rispettivamente 8 e 6 prelievi multiorgano, che hanno garantito il ritorno alla vita di ben 33 pazienti complessivi.

«Ripensando al lavoro svolto in questi anni, ora che sono in pensione dovrò inventarmi qualcosa per occupare il tempo -conclude la dottoressa-. Viaggerò, anche per vedere con più frequenza i miei due figli, che vivono rispettivamente negli Usa e in Olanda. Serberò il ricordo delle emozioni vissute in questi anni di attività, nel bene e nel male, nei grandi successi e nelle altrettanto grandi sconfitte. Non posso dimenticare le espressioni e le parole dei miei pazienti e dei loro famigliari; ricordo le emozioni che si provano quando perdi un ammalato dopo aver fatto il possibile per salvarlo; la necessità, anche per noi medici, di elaborare un nostro lutto mantenendo, però, la lucidità necessaria per dare conforto ai famigliari e per occuparti degli altri pazienti del reparto. Lascio questo lavoro e un po’ mi dispiace, ma so che ciò che è stato fatto fino ad oggi verrà proseguito dai miei colleghi, in particolare dal dottor Spagarino, con cui ho condiviso questi anni di intensa attività nell’ambito dei prelievi d’organo. Sono certa che la qualità dell’operato finora svolto continuerà ad essere preservata, perché questo ospedale vanta la presenza di professionisti di pregio e perché in questo territorio la sensibilità della popolazione al tema della donazione di organi è davvero tangibile».

in-pensione-lassistente-rianimatore-daniela-peracchio-560fea01958b14.jpg

Attualità

  • LE FARMACIE DI TURNO

    10-12-2016
    FARMACIEDOMENICA 11 DICEMBRE:  Trabaldo (Biella), via Ivrea, 63/A, tel. 015401681, dalle 08.30 alle 20.30 Boglio (Quaregna), via M.della Libertà,...
  • LE EDICOLE DI TURNO

    10-12-2016
    EDICOLESergi, Vernato; Boem, via Ivrea; Edicola del Villaggio di Gioggia, via Lombardia; Brognara, piazza Adua; Celoria, via Rosazza (Chiavazza); Pinelli,...
  • Gli appuntamenti della domenica

    10-12-2016
    Vigliano BielleseFESTA DI SANTA LUCIAdal 10 dicembre 2016 al 11 dicembre 2016 Arte e Cultura Vigliano Biellese Festa di Santa Lucia.BiellaBIELLA MOTOR...

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia