Alasinistra, la rubrica di Roberto Pietrobon

Il tesoretto del Cordar e le mani nelle nostre tasche

Quindi, in un territorio dove non ci sono più soldi per riparare le strade, per riscaldare le scuole, per tenere aperta la Funivia scopriamo, quasi per caso, che la più grossa società pubblica, Cordar spa, che gestisce il bene comune più prezioso, l’acqua

Stampa Home
Articolo pubblicato il 26-11-2014 alle ore 00:00:00.
il-tesoretto-del-cordar-e-le-mani-nelle-nostre-tasche-560fdb8f2b9f13.jpg
Roberto Pietrobon

Quindi, in un territorio dove non ci sono più soldi per riparare le strade, per riscaldare le scuole, per tenere aperta la Funivia scopriamo, quasi per caso, che la più grossa società pubblica, Cordar spa, che gestisce il bene comune più prezioso, l’acqua, avrebbe un tesoretto di un milioncino di euro di avanzo dal proprio bilancio. Un milioncino che, in buona parte, deriva dalle bollette che noi biellesi abbiamo versato e che qualcuno, pare, abbia sbagliato a farci pagare così tanto.

In un paese serio dovrebbero succedere due cose. La prima: chi potrebbe aver sbagliato i conti dovrebbe prendere atto dell’errore e agire di conseguenza. In realtà (per ben altri motivi) è da settembre che si parla delle dimissioni dell’Amministratore delegato di Cordar le quali sono state congelate, per la solita logica di occupazione delle poltrone pubbliche, in attesa che il PD si metta d’accordo su chi piazzare in quella carica.

La seconda: il “tesoretto” di Cordar dovrebbe venire redistribuito a chi lo ha “creato” e cioè a noi cittadini e, magari, decidere di far rispettare l’esito del referendum sull’acqua pubblica del 2011. Non dico che ci restituiscano i soldi, in questo paese non succede mai se non di fronte a un giudice ma, almeno, potrebbero scontarci le bollette per il prossimo anno.

Purtroppo, da quanto abbiamo letto e sentito in questi giorni, il Comune di Biella, azionista di maggioranza della società pubblica, ha chiesto (e probabilmente otterrà) la redistribuzione degli utili ai soci, cioè ai Comuni. L’Amministrazione Cavicchioli si è spinta addirittura oltre e, dei possibili dividendi (quasi 400 mila euro per Biella) avrebbe già, in parte, deciso come investirli. Per ora sappiamo solo che una parte sarà utilizzata per coprire i mancati introiti derivati dalla soppressione della tassa di soggiorno che, per quanto in astratto potesse essere sembrata iniqua, sta garantendo un piccolo gettito alle casse comunali, per una volta non provenienti dalla tasche dei biellesi, senza visibili ripercussioni.

Evidentemente un’efficace azione lobbistica ha permesso di far diventare una priorità assoluta la cancellazione di questa tassa. Purtroppo, per altre promesse elettorali orientate, queste sì, a una maggior equità sociale - scritte nero su bianco nel programma della coalizione che a giugno ha vinto le elezioni - si sta, invece, facendo melina. Si toglieranno 100 mila euro dal bilancio comunale e li si coprirà con il “tesoretto” di Cordar mentre, per esempio, altre scelte ben più pesanti per la collettività fatte da Gentile&co., come il costo delle mense scolastiche o il trasporto pubblico urbano, rimarranno al palo.

La politica è questione di scelte e priorità sempre, anche (o soprattutto) quando si amministra un Comune. Da queste si capiscono molte cose. A volte, anche troppe.

Roberto Pietrobon

www.alasinistra.org

Tags: Alanistra, Roberto Pietrobon, cordar, rubrica pietrobon

Attualità

  • LE FARMACIE DI TURNO

    10-12-2016
    FARMACIEDOMENICA 11 DICEMBRE:  Trabaldo (Biella), via Ivrea, 63/A, tel. 015401681, dalle 08.30 alle 20.30 Boglio (Quaregna), via M.della Libertà,...
  • LE EDICOLE DI TURNO

    10-12-2016
    EDICOLESergi, Vernato; Boem, via Ivrea; Edicola del Villaggio di Gioggia, via Lombardia; Brognara, piazza Adua; Celoria, via Rosazza (Chiavazza); Pinelli,...
  • Gli appuntamenti della domenica

    10-12-2016
    Vigliano BielleseFESTA DI SANTA LUCIAdal 10 dicembre 2016 al 11 dicembre 2016 Arte e Cultura Vigliano Biellese Festa di Santa Lucia.BiellaBIELLA MOTOR...

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia